Afghanistan, feriti due militari. Non sono gravi

1' di lettura

I due operatori delle forze speciali sono stati colpiti durante un'operazione per la cattura di alcune persone. Domani, nel Paese, si vota per le elezioni politiche. Il portavoce del comandante Isaf a SkyTG24: "Non sono in pericolo di vita”

Due operatori delle forze speciali italiane sono rimasti feriti oggi in modo non grave, da colpi di arma da fuoco durante un'operazione nella provincia di Farah.
I due, un ufficiale e un militare, fanno parte dela truppa della Task Force 45. L'operazione alla quale stavano prendendo parte era mirata alla cattura di quattro insorti che erano stati avvistati da un velivolo senza pilota dell'Aeronautica militare mentre posizionavano un ordigno lungo la strada che collega Farah a Delaram.
Gli insorti si erano spostati in un'abitazione verso la quale si stavano dirigendo un elicottero da trasporto CH47 con a bordo gli elementi delle forze speciali, scortato da due elicotteri Mangusta.
I militari sono stati subito evacuati presso l'ospedale da campo statunitense di Farah. Il Maggiore Mario Renna, Portavoce del Comandante del Regional Command West di Isaf, sottolinea che la dinamica dell'accaduto "è in fase di ricostruzione, mentre le famiglie dei due militari sono state avvisate".

Sabato le elezioni - Domani, in Afghanistan, si terranno le elezioni politiche.
"Dobbiamo attenderci delle irregolarità - ha detto il presidente Hamid Karzai - Ci saranno dei problemi e delle accuse, ma noi, tenuto conto delle circostanze, dobbiamo cercare di fare del nostro meglio per fare di queste elezioni un successo".

Leggi tutto