Obama ricorda Katrina: "A New Orleans ancora molto da fare"

1' di lettura

Cinque anni fa la terribile alluvione che mise in ginocchio la Louisiana e il Mississippi, le stesse zone colpite pochi mesi fa dalla marea nera. Il presidente americano ammette: "Questa città è un simbolo della capacità di resistenza e di rinascita"

Katrina, 5 anni dopo: le foto

"New Orleans è un simbolo della capacità di resistenza e di rinascita" della sua gente, ma prima di vedere definitivamente risolte le conseguenze dell'uragano Katrina "resta ancora molto da fare". A cinque anni dalla più grave alluvione della storia americana e a quattro mesi dalla marea nera, il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama (che ha ripreso l'attività dopo le vacanze estive), visita una città in gran parte rinata dalle macerie lasciate dalle sue catastrofi.

"Non c'è bisogno di soffermarsi su quanto avete dovuto sopportare - ha detto Obama alla Xavier University - Non potrò mai dimenticare quanto mi disse una donna nei giorni successivi al disastro: prima dell'uragano non avevamo niente. Ora abbiamo meno di niente". bama ha detto che è in nome di quella donna che a New Orleans "resta ancora molto da fare".

Il presidente americano, Barack Obama, ha impegnato se stesso e la sua amministrazione a "lottare con la popolazione di New Orleans" affinché venga fatta piena luce sui crimini commessi a New Orleans nei giorni immediatamente successivi al disastro, quando la città era nel caos, e che siano osservati criteri di uguaglianza e correttezza nel riconoscimento dei risarcimenti per chi ha subito danni nell'alluvione. "Intendiamo monitorare con attenzione la corruzione e l'inefficienza che ha spesso caratterizzato la New Orleans Housing Authority - ha detto Obama riferendosi alle accuse di discriminazione sollevate in molti casi riguardanti l'ufficio che si occupa dei risarcimenti ai proprietari che hanno subito danni -. Siamo schierati dalla vostra parte e lottiamo insieme a voi".

Obama ha anche sottolineato che il Dipartimento di Giustizia si è impegnato in una serie di inchieste sugli episodi di violenza scoppiati in citta' nei giorni dell'alluvione. "Siamo al fianco delle autorità locali per combattere questo flagello, estirpare la corruzione che c'è nella polizia e per assicurare che il sistema della giustizia funziona nei confronti di chiunque" ha detto.

Leggi tutto