Indonesia, vulcano in eruzione dopo 400 anni

1' di lettura

Le autorità hanno fatto evacuare 12mila persone da 17 villaggi della zona, nel nord dell'isola di Sumatra, dopo che dal cratere si sono levati fumo e cenere vulcanica fino a un'altezza di 1.500 metri. 2 le vittime. LE FOTO

Allarme in Indonesia per il vulcano Sinabung, tornato ad eruttare dopo 400 anni.
Le autorità hanno fatto evacuare 12mila persone da 17 villaggi della zona, nel nord dell'isola di Sumatra, dopo che dal cratere si sono levati fumo e cenere vulcanica fino a un'altezza di 1.500 metri. I lapilli e la lava hanno mandato in fumo quasi 4mila ettari di foreste e terreni agricoli attorno al vulcano.
Due anziani sono morti di attacchi di cuore durante l'evacuazione, ha riferito la polizia.

I lapilli e la lava hanno mandato in fumo quasi 4mila ettari di foreste e terreni agricoli attorno al vulcano, situato 1300 chilometri a nord-est di Giacarta. Il ministero della Sanità indonesiano ha distribuito 7mila mascherine.

Il Sinabung, alto 2500 metri, aveva ripreso l'attività vulcanica nella giornata di venerdì. L'ultima eruzione risaliva al 1600. L'Indonesia, che si trova sull'Anello di fuoco, è il Paese con più vulcani attivi al mondo e il mese scorso ci sono stati quattro dispersi in seguito all'eruzione sul monte Karangetang, nella remota isola di Siau.

Leggi tutto