Lady Diana: un libro svela 500 nuove prove sulla sua morte

1' di lettura

Lo scrittore australianao John Morgan pubblica un libro in cui rivela che importanti fatti dell'incidente in cui perse la vita l'ex moglie del principe Carlo furono tenuti nascosti

Nuove rivelazioni sulla morte di Lady Diana. Secondo quanto riporta il Daily Express nella sua versione online, ci sarebbero almeno 500 prove di rilevante importanza che sarebbero state volutamente nascoste durante il processo di Londra del 2008. Il quotidiano britannico riprende le indiscrezioni contenute nel libro 'Diana Inquest: The Documents The Jury Never Saw' dello scrittore australiano John Morgan. Tra le prove nascoste ci sarebbero le testimonianze del patologo francese Dominique Lecomte e del tossicologo Gilbert Pepin che analizzarono il corpo della principessa e che si rifiutarono di comparire in aula. Inoltre si afferma che i campioni di sangue prelevati dal corpo dell'autista per confermarne l'eccessivo tasso alcolico, sarebbero stati presi da un altro cadavere.

Morgan chiede una nuova inchiesta, che sia indipendente, condotta dalla Corte Internazionale di Giustizia, ma che venga fatta in Francia. Lady Diana mori' infatti in Francia e precisamente il 31 agosto di tredici anni fa in un incidente stradale sotto il tunnel dell'Alma a Parigi. Nell'incidente persero la vita anche il fidanzato, Dodi Al Fayed e l'autista della limousine, Henri Paul. "Nel mio libro vengono pubblicati piU' di 100 documenti importanti - ha spiegato Morgan al Daily Express - oltre ad una lista di altri 400 a cui la giuria avrebbe dovuto avere accesso se si voleva raggiungere un vero verdetto. Gli avvocati dicono che la giustizia e' cieca, ma ho le prove che sono stati i giurati ad essere stati bendati, visto che l'inchiesta ufficiale e' stata un'autentica farsa".

Leggi tutto