Il Pakistan sommerso dalle acque, più di mille le vittime

1' di lettura

Le regioni nord-occidentali del Paese sono state colpite da violente da piogge. Ora che la situazione meteo sembra migliorare, la paura maggiore è rappresentata dalle possibili epidemie. Oltre un milione i pakistani che hanno subito danni. LE FOTO


GUARDA L'ALBUM FOTOGRAFICO SUI FENOMENI NATURALI

Le piogge che hanno imperversato  per giorni sul Pakistan nord-occidentale si sono ridotte di intensità nelle ultime ore, anche se l'emergenza provocata dall'ondata di maltempo che ha causato molte centinaia di morti  e decine di migliaia di senzatetto è massima, per il timore  dello scoppio di epidemie.

Il bilancio delle vittime, sostenuto dal recupero dei  cadaveri e da ipotesi probabilistiche, è stato fissato in 1.100 morti da Adnan Khan, responsabile dell'Organismo pachistano di  gestione delle catastrofi, e a 1.300 da GEO Tv (800 nella  provincia di Khyber Pakhtunkhwa e 500 in Punjab, Baluchistan,  Gilgit-Baltistan e Azad Kashmir).

Per l'Ufficio dell'Onu per il coordinamento degli affari  umanitari (Ocha) almeno un milione di pachistani sono stati danneggiati in varia misura dalla calamità naturale.

Mian Iftikhar Hussain, ministro dell'Informazione di Khyber  Pakhtunkhwa, ha detto oggi in proposito che "stiamo attendendo  la conferma di focolai di colera in alcune aree della Valle  dello Swat".

Secondo l'Organizzazione mondiale della salute (Who),  l'allarme è legittimo, perché in queste circostanze si  diffondono rapidamente, oltre al colera, altre patologie come diarrea, disturbi gastrici, asma e malattie della pelle.

Il governo ha mobilitato tutte le risorse disponibili per far fronte alla catastrofe, inviando nelle regioni colpite 30.000  uomini dell'esercito.

Leggi tutto