A Duisburg i funerali, “la Love Parade una danza macabra”

1' di lettura

Celebrate le esequie delle 21 vittime. “Nel mezzo di una festa gioiosa la morte ci ha mostrato il suo terribile volto” ha detto il presidente delle Chiese evangeliche tedesche. Assente il sindaco, dopo le dure critiche che lo hanno travolto

TUTTE LE NOTIZIE - TUTTE LE FOTO
I VIDEO SENZA COMMENTO
LE REAZIONI UFFICIALILE TESTIMONIANZE

"La Love Parade si è trasformata in una danza macabra": così Nikolaus Schneider, capo della chiesa protestante tedesca, ha aperto oggi i funerali delle 21 vittime del festival di musica techno, cerimonia a cui ha partecipato anche la cancelliera Angela Merkel che ha interrotto le sue vacanze. Circa 600 le persone che si sono raccolte nella chiesa del Salvatore di Duisburg per seguire la funzione, trasmessa in diretta su quattro reti nazionali e ritrasmessa su maxi-schermi in altre chiese della città e nello stadio municipale.

Oltre alla Merkel, numerose le personalità che hanno assistito alla cerimonia, tra cui il presidente tedesco Christian Wulff. Assente invece il sindaco di Duisburg, Adolf Sauerland, che a causa delle dure critiche che lo hanno travolto dal giorno della tragedia, ha preferito non partecipare. Sauerland, del partito della Merkel, è stato accusato di aver ignorato gli avvertimenti della polizia, dei vigili del fuoco e di atre agenzie che reputavano Duisburg troppo piccola per ospitare un evento con più di un milione di persone. Da parte sua il sindaco ha rigettato ogni accusa e ha detto che non si dimetterà, nonostante "la pressione su di me e sulla mia famiglia sia enorme - ha detto alla tv N24 - ed abbiamo avuto bisogno della scorta". Mentre la Merkel non ha preso la parola durante la cerimonia, il presidente della regione Nord Reno-Westfalia, Hannelore Kraft (dei social-democratici), ha detto che vi sono ancora "troppi interrogativi e poche risposte".

Guarda anche:
L'addio di Brescia a Giulia Minola

Leggi tutto