Love Parade, si indaga per omicidio colposo

1' di lettura

La più grande festa al mondo di musica techno si è trasformata in tragedia: 19 vittime e 516 feriti. Organizzatori e autorità sotto accusa: mezza Europa vuole capire cosa è successo

Love parade:
TUTTE LE NOTIZIE - TUTTE LE FOTO
I VIDEO SENZA COMMENTO
LE REAZIONI UFFICIALILE TESTIMONIANZE

In fondo all'articolo i video con gli aggiornamenti sulla tragedia alla Love Parade di Duisburg

19 morti e 516 feriti. Finora sono state identificate 16 vittime, tra queste anche Giulia Minola, la studentessa di Brescia in vacanza all'estero con un'amica, Irina. Avrebbe dovuto fare ritorno a casa tra una settimana, ma è rimasta intrappolata nel tunnel dell'inferno insieme ad altri giovani.
Le vittime, infatti, avevano tutte tra i 18 e 38 anni: 11 uomini e otto donne, di cui 11 erano tedeschi, due spagnoli, gli altri venivano da Olanda, Australia, Italia (Giulia), Cina e Bosnia.

Non è solo la Germania oggi a piangere e disperarsi. Il dolore e il cordoglio stordisce mezza Europa. Ci si chiede cosa sia successo quel sabato pomeriggio. Si cercano i colpevoli. E ci si domanda se era possibile evitare una tale tragedia.
Alcuni testimoni non hanno dubbi.
E non ha dubbi nemmeno Irina. Anche lei era alla Love Parade, ha perso di vista Giulia sotto al tunnel che conduceva allo spiazzale della musica. Domenica, dopo le cure in ospedale a Duisburg, è tornata a casa, a Torino. Stanca e arrabbiata ha però trovato la forza di denunciare: "La tragedia si poteva evitare".

Intanto gli organizzatori hanno annunciato che non ci sarà "mai più una Love Parade". la manifestazione chiude i battenti definitivamente.
E la procura indaga per omicidio colposo.

La stampa tedesca attacca le autorità -
Secondo quanto riportato dal settimanale 'Der Spiegel' in una direttiva del 21 luglio, inviata dal Comune di Duisburg agli organizzatori della Love Parade, si confermava che non era necessario rispettare la prescritta larghezza delle vie di fuga. I funzionari pubblici rinunciavano anche al rispetto dei piani di sicurezza previsti dai vigili del fuoco.
Nel documento è poi scritto che "il numero massimo di persone che possono trovare posto sull'area della manifestazione deve essere limitato a 250mila", mentre gli organizzatori poco prima dell'inizio della tragedia parlavano con orgoglio della presenza di 1,4 milioni di persone.
La stampa tedesca reagisce in maniera durissima, con la 'Berliner Zeitung' che parla di
"una tragedia annunciata", poiché "gli organizzatori hanno fallito in maniera eclatante su tutta la linea". Per la 'Frankfurter Allgemeine Zeitung', "questa non è una 'tragedia', come si cerca di far credere, poiché qui nessuno dei responsabili è innocente. Nessuno è finito alla cieca in questo disastro. Anche per questo la catastrofe avvenuta è uno scandalo, poiché tutti erano stati avvertiti, la città, la polizia, gli organizzatori ed i tecnici chiamati come consulenti".

Guarda i video con tutti gli aggiornamenti sulla tragedia alla Love Parade:


Leggi tutto