Sfida all’ultimo voto per il futuro della Polonia

1' di lettura

Jaroslaw Kaczynski, 61 anni, è il leader del partito nazional-conservatore “Diritto e giustizia” da lui fondato assieme al fratello Lech morto nel tragico incidente aereo in Russia. La sfida è con il liberale Bronislaw Komorowski

L'incidente aereo in Russia: l'album fotografico

I polacchi sono chiamati oggi a scegliere al ballottaggio il loro presidente, all'ombra lunga della catastrofe aerea in cui è morto il capo di stato Lech Kaczynski, e divisi più che mai tra due visioni del Paese: quella liberale e filo-europea, e quella conservatrice e nazional-patriottica. Le due "nature" del Paese si traducono nella sfida tra il candidato del partito liberale Piattaforma civica (Po) Bronislaw Komorowski e l'altro di Diritto e Giustizia (PiS), Jaroslaw Kaczynski, il fratello gemello del defunto presidente. Le urne si chiuderanno alle 20, subito dopo saranno diffusi i primi exit poll.

Prima della tragedia aerea di Smolensk, lo scorso 10 aprile, i giochi sembravano fatti, con la vittoria certa di Komorowski. E Komorowski come da copione ha vinto il primo turno il 20 giugno, con oltre 41% dei voti, ma Kaczynski, accreditato dai sondaggi al 31%, ha sorpreso, ottenendo oltre il 36%. Il periodo estivo non favorisce Komorowski, i cui elettori, giovani e abitanti nelle grandi città, vanno in vacanza a differenza di quelli di Kaczynki, anziani e abitanti nei piccoli centri. Perciò per il ballottaggio si profila un testa a tesa dall'esito quanto mai incerto.

Leggi tutto
Prossimo articolo