Blitz pedofilia in Belgio, Bertone: "Peggio dei sovietici"

1' di lettura

Il segretario di Stato vaticano condanna le perquisizioni e gli interrogatori dell'indagine sui casi di abusi. Gli inquirenti hanno ascoltato tutti i vescovi del Paese. “E’ stato un sequestro”

Non accenna a placarsi lo scontro tra il Vaticano e il Belgio sulle perquisizioni ordinate dalla magistratura nella sede dell'arcivescovado di Mechelen e in due tombe di vescovi. E' stato "un sequestro, un fatto inaudito e grave" ha detto il segretario di Stato vaticano, cardinale Tarcisio Bertone, a proposito dei vescovi belgi trattenuti per 9 ore dagli inquirenti. "Sono stati senza mangiare e senza bere", ha denunciato.

Il 24 giugno aveva fatto scalpore la notizia dell'irruzione delle autorità giudiziarie belghe nell'arcivescovado di Bruxelles-Malines. A suscitare sgomento presso le autorità vaticane sono state le modalità delle perquisizioni eseguite alla ricerca di materiale documentale su minori abusati da ecclesiastici.

Leggi tutto