Marea nera, proteste contro il capo di BP

1' di lettura

L'amministratore delegato Tony Hayward: "Sono profondamente dispiaciuto per il disastro ambientale”. Audizione al Congresso ricca di tensione. La collera dei parlamentari e degli ambientalisti. FOTO

MAREA NERA: L'ALBUM FOTOGRAFICO

L'AD di Bp Tony Hayward ha affrontato oggi la collera dei parlamentari americani nel corso di un'audizione al Congresso, nella quale si è scusato per la peggior fuoriuscita di petrolio nella storia degli Stati Uniti dicendo che non avrebbe mai dovuto verificarsi. "Sotto la sua guida, Bp si è assunta i rischi più estremi", ha detto il parlamentare democratico Henry Waxman ad Hayward.

Intanto, gli investitori hanno accolto con favore l'accordo raggiunto ieri tra il colosso energetico britannico e la Casa Bianca per l'istituzione di un fondo da 20 miliardi di dollari per risarcire i danni derivanti dal disastro nel Golfo del Messico, giunto al suo 59esimo giorno. Quella di oggi è stata la prima volta di Hayward a Capitol Hill da quando, lo scorso 20 aprile, un'esplosione sulla piattaforma petrolifera offshore Deepwater Horizon ha ucciso 11 operai e danneggiato un pozzo sottomarino, facendo sì che un fiume di greggio si riversasse in mare. "L'esplosione e l'incendio a bordo della Deepwater Horizon e la conseguente fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico non avrebbero mai dovuto verificarsi, e sono profondamente dispiaciuto che siano accaduti", si legge nella trascrizione del suo intervento davanti alla commissione del Congresso.

Leggi tutto