Marea Nera, per la Bp un ultimatum di 48 ore

1' di lettura

La Guardia Costiera Usa dà una scadenza alla compagnia petrolifera per mettere a punto un programma più aggressivo che riesca a contenere il greggio nel Golfo del Messico. Obama a Cameron: "Non ci interessa minare il valore della Bp"

MAREA NERA: L'ALBUM FOTOGRAFICO

La Guardia Costiera Usa ha dato un ultimatum di 48 ore alla Bp per mettere a punto un programma più aggressivo per contenere il greggio che fuoriesce nel Golfo del Messico. Lo ha indicato l'ammiraglio James Watson. In una lettera inviata in risposta al capo delle operazioni della Bp, Doug Suttles, il numero uno della Guardia Costiera scrive che "la Bp deve identificare nelle prossime 48 ore un sistema addizionale di contenimento della perdita, che possa essere operativa in tempi rapidi per evitare il flusso continuo di petrolio" dal pozzo del Golfo.

Watson si dice "preoccupato dal fatto che i piani attuali non garantiscono la mobilitazione massima di risorse per raccogliere le quantità riviste di petrolio in base alla nuove stime degli esperti", che parlano di una media di 40mila barili al giorno. L'ammiraglio si dice anche preoccupato dalla mancanza di un piano di backup in caso di guasto o di problemi non previsti.

In difesa della Bp è intervenuto oggi il sindaco di New York Michael Bloomberg. "Le persone che dirigono la Bp certo non sono andate a far saltare in aria il pozzo” ha detto il sindaco nel programma radiofonico che conduce ogni settimana secondo quanto riporta il New York Post. E ha aggiunto: “Se a noi interessa che siano loro a risolvere il problema dal momento che sono gli unici ad averne la capacità, credo che sia meglio prima di addossare le colpe aspettare che tutto sia risolto".

Mercoledì prossimo il presidente degli Stati Uniti Barack Obama riceverà a Washington il direttore generale della Bp Tony Hayward. In un comunicato, che è seguito a una telefonata tra il presidente Usa e il premier britannico David Cameron, Barack Obama ha detto che "non ha alcun interesse" a minare il valore della Bp, dopo la disastrosa perdita di petrolio al largo della Louisiana. "Il presidente Obama ha detto al primo ministro che la sua inequivocabile opinione è che la Bp è una multinazionale globale e che le frustrazioni sulla perdita di petrolio non hanno nulla a che fare con l'identità nazionale", si legge ancora nella nota diffusa.


IL DISASTRO IN LOUISIANA: I VIDEO

Leggi tutto