Pedofilia, il Papa: "Chiediamo perdono a Dio e alle vittime"

1' di lettura

Nella Messa a conclusione dell'Anno sacerdotale Benedetto XVI è tornato a parlare dello scandalo, relativo ai preti che hanno abusato di minori: "Consideriamo quanto è avvenuto quale compito di purificazione, un compito che ci accompagna verso il futuro"

S'è concluso in piazza san Pietro l'Anno sacerdotale, che Benedetto XVI aveva indetto il 16 giugno 2009 in occasione del 150esimo anniversario della morte del santo Curato d'Ars. Un anno, tuttavia, che è stato contrassegnato dallo scandalo pedofilia, che ha interessato proprio i presbiteri cattolici e che s'è abbattuto come una bufera sulla Chiesa cattolica. Di tale argomento è tornato a parlare espressamente il Pontefice nel corso della concelebrazione eucaristica a conclusione dellevento, cui hanno partecipato il Collegio cardinalizio, numerosi Vescovi e oltre 15mila preti.

All'omelia Benedetto XVI ha infatti dichiarato: "E' successo che, proprio in questo anno di gioia per il sacramento del sacerdozio, siano venuti alla luce i peccati di sacerdoti – soprattutto l’abuso nei confronti dei piccoli, nel quale il sacerdozio come compito della premura di Dio a vantaggio dell’uomo viene volto nel suo contrario. Anche noi chiediamo insistentemente perdono a Dio ed alle persone coinvolte, mentre intendiamo promettere di voler fare tutto il possibile affinché un tale abuso non possa succedere mai più; promettere che nell’ammissione al ministero sacerdotale e nella formazione durante il cammino di preparazione ad esso faremo tutto ciò che possiamo per vagliare l’autenticità della vocazione e che vogliamo ancora di più accompagnare i sacerdoti nel loro cammino, affinché il Signore li protegga e li custodisca in situazioni penose e nei pericoli della vita. Se l’Anno Sacerdotale avesse dovuto essere una glorificazione della nostra personale prestazione umana, sarebbe stato distrutto da queste vicende. Ma si trattava per noi proprio del contrario: il diventare grati per il dono di Dio, dono che si nasconde "in vasi di creta" e che sempre di nuovo, attraverso tutta la debolezza umana, rende concreto in questo mondo il suo amore. Così consideriamo quanto è avvenuto quale compito di purificazione, un compito che ci accompagna verso il futuro e che, tanto più, ci fa riconoscere ed amare il grande dono di Dio. In questo modo, il dono diventa l’impegno di rispondere al coraggio e all’umiltà di Dio con il nostro coraggio e la nostra umiltà".

Commentando poi le parole del salmo 23 (22): "Il tuo bastone e il tuo vincastro mi danno sicurezza", previsto per l'odierna liturgai della solennità del Sacro Cuore, il Papa: "Anche la Chiesa deve usare il bastone del pastore, il bastone col quale protegge la fede contro i falsificatori, contro gli orientamenti che sono, in realtà, disorientamenti. Proprio l’uso del bastone può essere un servizio di amore. Oggi vediamo che non si tratta di amore, quando si tollerano comportamenti indegni della vita sacerdotale. Come pure non si tratta di amore se si lascia proliferare l’eresia, il travisamento e il disfacimento della fede, come se noi autonomamente inventassimo la fede. Come se non fosse più dono di Dio, la perla preziosa che non ci lasciamo strappare via. Al tempo stesso, però, il bastone deve sempre di nuovo diventare il vincastro del pastore – vincastro che aiuti gli uomini a poter camminare su sentieri difficili e a seguire il Signore".

Leggi tutto