Gaza: anche l'Iran invierà due navi

1' di lettura

La Mezzaluna Rossa iraniana ha annunciato che manderà aiuti umanitari via mare verso la Striscia di Gaza. Il convoglio dovrebbe partire la prossima settimana. Nella notte quattro palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane al largo di Gaza

DAL BLITZ ALLE CONTESTAZIONI: TUTTE LE IMMAGINI

Gaza, attacco alla flotta pacifista. I VIDEO

In fondo al pezzo tutti i video sulla vicenda di Gaza


La Mezzaluna Rossa iraniana ha deciso di inviare questa settimana due navi con aiuti umanitari a Gaza e ha chiesto la disponibilità di volontari che vogliano imbarcarsi e accompagnare il materiale. Lo riferisce l'agenzia di Stato IRNA. La decisione, ha spiegato il direttore dell'organizzazione, Abdolrauf Adibzadeh, è stata presa dopo una riunione con funzionari del ministero degli Esteri iraniano.

"Uno dei battelli trasporterà i doni della popolazione (iraniana, n.d.r.), alimentari e medicinali di prima necessità, l'altro dei volontari umanitari della Mezzaluna rossa" ha detto il direttore internazionale della Mezzaluna rossa iraniana, Abdolrauf Adibzadeh. "I due battelli partiranno alla fine della settimana - ha aggiunto Adibzadeh -. I volontari che vogliono andare a Gaza e aiutare il popolo oppresso della Palestina occupata possono registrarsi sul sito della Mezzaluna rossa".

Intanto quattro palestinesi che erano al largo di Gaza sono stati uccisi all'alba dal fuoco israeliano. Lo hanno riferito fonti sanitarie palestinesi. L'imbarcazione su cui si trovavano i palestinesi è stata attaccata da elicotteri e barche israeliane. Le salme sono state successivamente recuperate e portate in un ospedale di Gaza. Continuano le ricerche per recuperare due passeggeri dispersi. Un portavoce dell'esercito israeliano ha più tardi spiegato che una pattuglia aveva avvistato un'imbarcazione con a bordo "membri di un gruppo terrorista vestiti con  mute". "Il soldati hanno aperto il fuoco e colpito alcuni di loro", ha aggiunto, senza fornire ulteriori dettagli".

Israele ha respinto ieri la proposta avanzata dal Segretario Generale dell'Onu Ban ki-Moon di aprire un'inchiesta internazionale sul raid che ha compiuto a bordo di una nave umanitaria diretta a Gaza, e ha ribadito di avere il diritto di svolgere un'indagine per conto suo. "Rifiutiamo la commissione internazionale. Discuteremo con l'amministrazione Obama del modo in cui svolgere la nostra indagine", ha detto Michael Oren, ambasciatore israeliano a Washington, nel corso del programma tv "Fox News Sunday".

Ban, come ha spiegato un funzionario dello Stato ebraico, aveva proposto di formare una commissione guidata dall'ex premier neozelandese Geoffrey Palmer e composta da rappresentanti turchi, israeliani e statunitensi. Netanyahu ha discusso della proposta con Ban sabato nel corso di una telefonata, ma ieri -- secondo quanto riferito da fonti politiche -- ha detto ai ministri del Likud, il suo partito, che Israele valuterà altre opzioni.

Tutti i video sulla vicenda della "Freedom Flotilla"

Leggi tutto