Marea Nera, Bp: L’operazione Top Kill è fallita

1' di lettura

La complessa manovra per fermare la fuoriuscita di greggio “è fallita”. La multinazionale britannica pensa a un'altra operazione che consisterebbe nel tagliare la conduttura al di sopra di una valvola per poi riprovare a tappare la perdita


LE FOTOGALLERY SULLA MAREA NERA 1 - 2

L'operazione “Top Kill” è fallita e la Bp sta già pensando al prossimo passo. L'iniezione di fango nella perdita dalla conduttura danneggiata nel fondo del Golfo del Messico "non ha ridotto la quantità di greggio che si riversa in mare", come ha detto Doug Suttles, capo delle operazioni della compagnia petrolifera britannica.

Oltre alla reputazione la catastrofe ambientale è costata finora alla Bp quasi un miliardo di dollari e messo in imbarazzo la Casa Bianca, nonostante Barack Obama faccia di tutto per convincere gli abitanti delle coste che può gestire la crisi. Iniziata mercoledì scorso, la manovra Top Kill è fallita dopo che anche l'immissione di “pattume” nella conduttura (palle da golf, funi annodate e cubi di plastica per otturarla) non ha dato risultato e sarà seguita da un'altra operazione che consiste nel tagliare la conduttura al di sopra di una valvola che non ha funzionato per poi ritentare di tapparla.

Leggi tutto