Giamaica, "alcuni cadaveri bruciati dalla polizia"

1' di lettura

Lo hanno denunciato alla Cnn alcuni abitanti del ghetto di Kingston, dove nei giorni scorsi è scoppiata una battaglia tra le forze dell'ordine e i narcotrafficanti

Cadaveri bruciati dalla polizia a Tivoli Gardens.
Lo hanno denunciato alla Cnn gli abitanti del ghetto di Kingston, capitale della Giamaica, dove nei giorni scorsi è esplosa una battaglia tra forze dell'ordine e gang armate di narcos che si oppongono all'estradizione negli Stati Uniti del signore locale della droga Christopher "Dudus" Coke.
Uno di loro ha raccontato di aver visto dalla finestra di casa sua poliziotti "che avvolgevano cadaveri all'interno di lenzuola, vi poggiavano sopra dei pneumatici e poi vi appiccavano il fuoco". La notizia è stata subito smentita dalla polizia.

"Non abbiamo nessuna prova che dei cadaveri siano stati bruciati. Non ci risulta nel modo più assoluto", ha dichiarato il vice capo della polizia Glenmore Hinds.
Per tutta la settimana, c'è stata una discrepanza tra il bilancio di morti degli scontri fornito dal governo e quello comunicato dai media locali. Gli abitanti di Tivoli Gardens, scrive la Cnn sul suo sito, temono che le autorità stiano cercando di nascondere il reale numero di vittime.

Leggi anche:
Guerriglia in Giamaica, ancora scontri tra narcos e polizia
Giamaica, scontri con i narcos, è stato d'emergenza

Leggi tutto