Tensioni tra le Coree, Obama sostiene Seul

1' di lettura

Forte richiamo del presidente americano alla Corea del Nord: cessi il suo "comportamento belligerante e minaccioso" e chieda scusa per l'affondamento della corvetta sudcoreana a marzo, con la morte di 46 marinai. Hillary Clinton: evitare escalation

La Corea del Sud ha annunciato la sospensione degli scambi commerciali con la Corea del Nord e ha chiesto le scuse del regime comunista per l'affondamento della corvetta, in cui a marzo morirono 46
marinai.
In un discorso teletrasmesso, il presidente sudcoreano, Lee Myung-bak ha confermato che Seul ricorrerà dinanzi al Consiglio di Sicurezza dell'Onu per reclamare sanzioni contro Pyongyang e ha avvertito che il suo governo prenderà misure di "autodifesa" in caso di "una nuova provocazione" nordcoreana.

Seul ha anche annunciato il divieto di navigazione ai mezzi navali nordcoreani nelle sue acque territoriali. Immediato e pieno il sostegno da parte di Barack Obama, che in un comunicato diffuso dalla Casa Bianca ha assicurato la collaborazione militare delle truppe Usa "per evitare future aggressioni", precisando che le misure adottate contro Pyongyang sono "assolutamente appropriate". Parallelamente il segretario di Stato Usa, Hillary Clinton, ha chiesto alla Cina di collaborare con gli Stati Uniti sulla delicata vicenda: gli Stati Uniti stanno "lavorando alacremente" per evitare un'escalation nelle tensioni tra le due Coree dopo l'affondamento della corvetta sud-coreana, di cui è accusata Pyongyang, ha dichiarato la Clinton.

Da settimane le due Coree sono ai ferri corti dopo il siluramento di una corvetta sudcoreana ad opera della marina del regime comunista di Pyongyang; e giovedì scorso un'equipe di esperti internazionali ha concluso che è stato un siluro nordcoreano ad affondare la corvetta Cheonan, lo scorso 26 marzo. Lee ha detto che l'attacco è stata una "provocazione militare" nordcoreana e ha chiesto a Pyongyang di punire immediatamente i responsabili di quella che ha definito un'aggressione "a sorpresa". "L'obiettivo della Corea del Nord è fomentare la divisione e il conflitto, è ora tempo che il regime cambi (atteggiamento)".
Il presidente ha anche chiesto le scuse immediata alla Corea del Sud e alla "comunità internazionale"; e ha tuttavia assicurato che l'obiettivo sudcoreano "non è uno scontro militare" tra le due Coree, ma la stabilità e la pace nella penisola.

La Corea del Nord non ha risposto immediatamente; ma alcune ore dopo il discorso, il ministero degli Esteri ha diffuso un comunicato per dire che il regime ha il diritto di espandere il suo deterrente nucleare.
Nel frattempo, la Corea del Sud ha annunciato manovre militari nella seconda metà dell'anno. In una conferenza stampa, il ministro della Difesa, Kim Tae-young, ha spiegato che la Marina realizzerà le esercitazioni militari per prevenire la corsa al riarmo del regime comunista.

Guarda anche:
Affondata nave di Seul
Corea del Nord, terzo giorno di spari nel Mar Giallo
Nucleare, la Corea del Nord apre al dialogo per disarmo
Corea del Nord, graziate le due giornaliste americane

Leggi tutto