Giro di vite di Obama sulle trivellazioni offshore

1' di lettura

Il presidente degli Stati Uniti ha dichiarato oggi che la trivellazioni petrolifere da piattaforme in alto mare potranno andare avanti solo se ci saranno garanzie che un disastro come quello della marea nera nel Golfo del Messico non accada più


GUARDA LE FOTOGALLERY SULLA MAREA NERA 1 - 2


Giro di vite di Barack Obama sulle trivellazioni petrolifere offshore. Il presidente Usa ha detto che le perforazioni in alto mare potranno continuare solo se ci sarà la garanzia che un disastro come quello del Golfo del Messico non accadrà di nuovo.

"Dobbiamo cercare le risorse interne di petrolio e gas", ha osservato, "perché rappresentano il 30 per cento della nostra produzione di greggio e il Golfo del Messico può giocare un ruolo importante nel garantire il nostro futuro energetico. Ma potremo continuare le perforazioni offshore solo se avremo le garanzie che un disastro come la fuoriuscita di greggio della Bp non si ripeta".

Non solo: Obama ha preannunciato la creazione di una commissione che indagherà sull'incidente e insistito nel ricordare che alle aziende implicate nel disastro ambientale - BP, Halliburton e Transocean Ldt- saranno presentati i conti, ma ha chiamato in causa anche le responsabilità di Washington.

Tutti i video sula Mare Nera

Leggi tutto