Norvegia, evacuata piattaforma petrolifera

1' di lettura

La compagnia norvegese Statoil ha reso noto di avere avviato la procedura dopo un guasto in una delle due valvole che devono prevenire una perdita. "La situazione è stabile", ma gli ambientalisti si dicono allarmati

La compagnia petrolifera norvegese Statoil ha reso noto di aver evacuato una piattaforma nel mare del Nord dopo che variazioni di pressione nel pozzo hanno portato a una guasto in una delle due valvole che devono prevenire una perdita.
Il gruppo ambientalista locale Bellona ha detto che la situazione è "molto critica" e ha messo in luce i continui rischi delle ricerche di petrolio e gas, dopo il disastro della piattaforma della BP affondata nel Golfo del Messico, con conseguente perdita di greggio e inquinamento.

"Non ci sono falle o danni - ha detto il portavoce della Statoil, Gisle Johnson -. La situazione sulla piattaforma è stabile e stiamo pianificando ulteriori operazioni per normalizzarla".
Johnson ha aggiunto che l'evacuazione di circa 90 persone è stata causata da una "situazione di pressione instabile" in un pozzo nel giacimento di Gullfaks, il che vuol dire "troppa o troppo poca" pressione.

Per il leader dell'associazione ambientalista Bellona, Frederic Hauge, alla piattaforma Gullfaks "la pressione fuori controllo è una cosa molto seria e può provocare un grave incidente". Per Hauge "la normativa in Norvegia può sembrare buona da fuori, ma nell'industria norvegese abbiamo un sacco di questioni di sicurezza".

Guarda anche:
Marea nera, LE FOTO: 1 -2
Marea nera, l'ultima mossa di Bp: tubo di gomma e solventi
Marea Nera, l'ira di Obama
Marea nera, Obama: "Pagherà Bp, non gli americani"
Obama: tassa di 1 cent su ogni barile di petrolio
Marea nera, fallisce il primo tentativo di fissare la cupola

Leggi tutto