A Cuba gay in piazza guidati dalla nipote di Fidel

1' di lettura

Colori e musica nelle strade de L'Avana per la settimana in difesa dei diritti omosessuali, che culminerà con le manifestazioni per la Giornata mondiale contro l'omofobia. Dal 2008 alla guida degli eventi un leader a dir poco inconsueto

GUARDA LA FOTOGALLERY DEL GLOBAL KISS

Isituita ufficialmente dall'Unione europea nel 2007, la Giornata internazionale contro l'omofobia o Idaho (International day against homophobia) si celebra il 17 maggio su idea di Louis-George Tin, curatore del Dictionnaire de l’homophobie, che volle dare giusto rilievo alla data anniversaria della rimozione dell'omosessualità dal novero delle malattie mentali, classificate dall'Oms.

E, mentre da un capo all'altro del globo si moltiplicano le relative iniziative, a Cuba è stata indetta una settimana contro l'omofobia che, iniziata l'11 maggio, terminerà martedì 18. Dal 2008 le manifestazioni a tutela dei diritti degli omosessuali sono dirette da Mariela Castro, figlia del presidente Raul e nipote del Lider Maximo. Scrittrice e sessuologa, Mariela difende chi è stato perseguitato per decenni nell'isola caraibica, consapevole che "dobbiamo continuare così per cambiare il modo di pensare su questo tema".

La comunità gay a Cuba è quanto mai nutrita e non si nasconde più. Il 15 maggio ha avuto luogo una breve marcia che, guidata da Mariela, s'è snodata nelle strade del Vedado, il salotto de l'Avana. I manifestanti hanno sventolato bandiere cubane e arcobaleno, camminando e ballando a ritmo di musica caraibica.

Guarda anche
:
Il Global Kiss-In contro l'omofobia
 





Leggi tutto