Grecia, forte esplosione vicino al carcere di Atene

Il carcere Korydallos di Atene (foto AP)
1' di lettura

Non ci sono vittime, ma solo danni e due feriti lievi. Uno sconosciuto avrebbe telefonato ad alcuni media per avvertire dell'ordigno contenuto in un cassonetto dell'immondizia

CRISI GRECIA, L'ALBUM FOTOGRAFICO 

Una bomba ad orologeria ad alto potenziale è esplosa questa sera nei pressi del carcere di massima sicurezza di Korydallos, ad Atene, provocando danni ma nessuna vittima e non si esclude che possa essere opera dell'organizzazione armata Lotta Rivoluzionaria. Secondo informazioni non confermate due persone, tra cui una donna, sarebbero rimaste leggermente ferite da un vetro infranto in seguito all'esplosione in uno degli edifici circostanti.

L'attentato è avvenuto poco dopo le 22.00 ora locale (21.00 italiane) dopo una telefonata al quotidiano Eleftherotypia e alla rete televisiva Alter. L'anonimo interlocutore avvertiva che un ordigno sarebbe esploso nei pressi del carcere dopo 30 minuti. La polizia è subito intervenuta ma non ha fatto in tempo ad evacuare la zona, prima che avvenisse l'esplosione udita in buona parte della capitale.

L'esplosivo secondo la polizia era in un contenitore di immondizia a ridosso di uno dei muri esterni del carcere. L'area è stata completamente blindata dalla polizia. Gli osservatori non escludono, considerando la forza dell'esplosivo e le modalità dell'attentato, che possa essere un attentato compiuto dalla principale organizzazione armata greca, Lotta Rivoluzionaria o da gruppi fiancheggiatori. Alcuni capi di Lotta Rivoluzionaria arrestati nei mesi scorsi sono detenuti infatti a Korydallos. L'arresto di numerose persone appartenenti a Lotta Rivoluzionaria e la scoperta dell'arsenale del gruppo insurrezionalista avevano fatto pensare che esso fosse stato di fatto smantellato.

Leggi tutto