Gran Bretagna, "Parlamento appeso": Cameron apre a Clegg

1' di lettura

I Tories vincono il maggior numero di seggi, ma non ottengono la maggioranza assoluta. Il Paese si prepara a un governo di coalizione. Mentre il leader Conservatore cerca l'intesa con i Liberal Democratici, Brown si dice pronto a tornare in pista

ELEZIONI IN GRAN BRETAGNA: TUTTE LE IMMAGINI

Leggi anche: Milano, la lunga notte elettorale degli inglesi


Dopo 36 anni, la Gran Bretagna si ritrova a fare i conti con un "hung Parliament", un Parlamento appeso in cui nessun partito ha la maggioranza assoluta. Con il loro 36,1%, i Tory hanno ottenuto 306 seggi, 20 in meno di quelli necessari per governare da soli, contro i 258 dei laburisti (29,1%) e i 57 dei liberaldemocratici 57 (23%).

Il leader conservatore David Cameron, ha subito aperto ai Lib-Dem di Nick Clegg, l'ago della bilancia deluso da un risultato nettamente inferiore alle attese, a cui ha proposto di formare "un'offerta ampia, aperta e complessiva" per formare "un governo forte". "La situazione è fluida", ha osservato un amareggiato Clegg nel raccogliere l'invito ad avviare un negoziato, "i partiti e i leader devono mostrare di saper agire nell'interesse nazionale e non per interessi di partito". Il leader Lib-Dem ha messo due paletti per il futuro esecutivo: sostegno all'economia e la riforma per "un sistema elettorale più giusto da sottoporre a referendum".

"Ci troviamo in una situazione sconosciuta per questa generazione di leader politici", ha osservato il premier laburista uscente, Gordon Brown, che ha deciso di restare alla finestra per eventualmente trattare con Clegg qualora fallisse la trattativa Tory-Lib Dem.

Il 43enne leader conservatore, che non ha escluso l'ipotesi di un esecutivo di minoranza, ha sottolineato che è necessario arrivare "in fretta a "un governo forte e stabile" per affrontare le spine della politica economica a partire dalla riduzione del deficit di bilancio. I suoi Tory hanno comunque conquistato il maggior numero di deputati ai Comuni da 80 anni a questa parte, persino più di quanti ne conquistò Margaret Thatcher nel 1979.
Il risultato con due milioni di voti in più del Labour è frutto di un travaso di consensi stimato al 5% che potrebbe mettere fine a 13 anni di governi laburisti. Per riuscire a formare una maggioranza, i tempi sono stretti: il 18 si riunisce il nuovo Parlamento e il 25 c'è in calendario il Discorso della Regina con la presentazione del programma annuale del governo. Se Cameron dovesse gettare la spugna, Brown è  pronto a tornare in pista.

Elezioni in Gran Bretagna - Tutti gli aggiornamenti video:

Leggi tutto