Gran Bretagna, Gordon Brown concede la vittoria ai Tories

1' di lettura

Il primo ministro uscente invita David Cameron e Liberal Democratici a trovare un accordo per il governo del paese. Ma si dice anche disponibile a dialogare con il partito di Nick Clegg nel caso di un fallimento dell'alleanza conservatori liberali

ELEZIONI IN GRAN BRETAGNA: TUTTE LE IMMAGINI

Gordon Brown si è detto pronto a concedere a conservatori e liberaldemocratici il tempo di discutere un accordo di governo, ma nel caso in cui la trattativa fallisse, il premier uscente e leader laburista è pronto a parlare con gli uomini Nick Clegg. "Se i negoziati tra David Cameron e Nick Clegg dovessero fallire, mi renderò subito disponibile a discutere con il leader dei Lib-Dem per cercare un punto d'intesa".

Parlando di possibile terreno comune con i liberaldemocratici, il primo ministro ha detto che un punto in comune potrebbe trovarsi sulla necessità "di un sistema elettorale più giusto, e la possibilità di un referendum su quale sistema si voglia adottare".

Nelle elezioni che si sono svolte ieri i Conservatori di David Cameron sono diventati il primo partito del paese, senza però ottenere la maggioranza assoluta dei seggi alla camera. Era dal 1974 che non si verificava una situazione simile che apre ora diverse possibilità. Nick Clegg, leader dei Liberal democratici, ha già dichiarato che spetta ai conservatori l'onere di formare un nuovo governo, ma, se i Tories non vogliono arrischiarsi in un governo di minoranza, la coalizione tra Tories e Lid-Dem sembra ora intevitabile. Leggi anche: Milano, la lunga notte elettorale degli inglesi

Elezioni in Gran Bretagna - Tutti gli aggiornamenti video:

Leggi tutto