Autobomba a New York, ecco il video con l'uomo sospetto

Autobomba New York
1' di lettura

Il giorno dopo il fallito attentato a Times Square negli Usa torna la paura. La polizia diffonde le immagini di una telecamera a circuito chiuso. E spuntano anche due nuovi video in cui il leader talebano Hakimullah Mehsud minaccia gli Stati Uniti

GUARDA LE FOTO

In fondo all'articolo tutti i video con gli aggiornamenti sull'autobomba disinnescata a Times Square

Il giorno dopo lo sventato attentato a Times Square, New York e gli Stati Uniti ripiombano nell’incubo terrorismo. E spuntano due nuovi video. In uno riappare il leader talebano Hakimullah Mehsud, che era dato per morto dall'intelligence Usa e pakistana. In due video -individuati da Site e IntelCenter, due gruppi specializzati nelle analisi delle rivendicazioni terroristiche- il leader talebano minaccia nuovi attacchi conto le città americane "nei giorni e mesi a venire". "E' vicino il momento in cui i nostri 'fedayeen' (guerriglieri) attaccheranno gli Stati americani nelle maggiori città", dice Mehsud, fiancheggiato da due uomini armati e mascherati, in uno dei messaggi. Il video, che dura nove minuti e sarebbe stato registrato il 4 aprile, è il primo che mostra Mehsud dopo gennaio (quando l'intelligence Usa annunciò la sua morte in un attacco con un drone statunitense in Waziristan), ma non fa riferimento al fallito attentato a Times Square.  

Simili minacce sono anche contenute nell'audio messaggio contenuto nel secondo video, apparentemente registrato il 19 aprile, che mostra la faccia di Mehsud vicino a una mappa degli Stati Uniti, 'punteggiata' da una serie di esplosioni. Secondo gli specialisti di Intelcenter, i video sono attendibili. I guerriglieri talebani avevano sempre negato la morte di Mehsud, rifiutandosi però di fornire prove della sua esistenza in vita per non metterne a rischio la sicurezza.

Tutti gli aggiornamenti sull'autobomba disinnescata a Times Square

Leggi tutto