Autobomba a Times Square, New York ripiomba nella paura

1' di lettura

Allerta dopo il ritrovamento di un'auto con all'interno dell'esplosivo. La polizia ha in mano il video di un sospetto: un uomo di razza bianca sulla quarantina. Allarme anche a Pittsburgh, dove è stata deviata la maratona. TUTTI I VIDEO

GUARDA LE FOTO

In fondo all'articolo tutti i video con gli aggiornamenti sull'autobomba disinnescata a Times Square

Torna l'incubo terrorismo a New York. A Times Square, cuore di Manhattan e uno dei luoghi più frequentati della Grande Mela, nella serata di sabato la polizia ha disinnescato un'autobomba che sarebbe potuta esplodere provocando una strage tra turisti nel momento di maggiore affollamento dei teatri di Broadway. Il sindaco della città, Michael Bloomberg, ha affermato che è stato forse evitato un "evento molto cruento": "Abbiamo avuto molta fortuna".
Parla di attentato, invece, il governatore dello Stato di New York, David Paterson: "Nessuno è rimasto ferito, e ora tutta l'attenzione della città, dello Stato e delle autorità federali sarà volta ad assicurare alla giustizia il responsabile di questo atto di terrorismo".

L'autobomba, collocata sul sedile posteriore di un Suv Pathfinder della Nissan con targa del Connecticut, era "rudimentale" e si componeva di due orologi, fili elettrici, tre taniche di propano, lattine di gasolio e fuochi d'artificio. Il New York Times ha riferito che un uomo che si trovava a bordo si è allontanato di corsa.

Il fallito attentato a Times Square rappresenta "un evento terroristico significativo". A riferirlo era stata, subito dopo l'allarme, l'organizzazione di monitoraggio delle attività terroristiche Intelgroup, che aveva ipotizzato un atto tanto di Al Qaeda quanto di individui che hanno agito senza legami con alcun gruppo. Ma a far forse luce sull'accaduto, circa il quale Bloomberg aveva dichiarato: "Non abbiamo nessuna idea di chi lo abba fatto e perché", è giunta dal Pakistan una rivendicazione talebana per il tramite di un video su internet. Secondo quanto riferito dal centro di sorveglianza dei siti islamici Site, l'attentato a Times Squares è stato presentato nel video come un atto di rappresaglia contro gli attacchi dei drone americani.

Tuttavia nel corso d'una conferenza stampa il capo della polizia di New York Ryan Kelly ha dichiarato che mancano prove sull'attendibilità della rivendicazione talebana. Al contrario è stato comunicato che si stanno valutando altre attribuzioni, arrivate in giornata ad alcuni media newyorchesi. Come già riportato dal sito sito della Cbs, Kelly ha confermato la notizia che la polizia della città ha rilevato alcune impronte digitali e che, soprattutto, ha in mano un video della persona sospettata. Si tratta di un uomo di razza bianca e sui quarant'anni, che è stato ripreso da telecamere di sorveglianza mentre lasciava l'auto-bomba di Times Square. Nel video - come ha detto il capo della polizia - "si vede l'uomo che si sfila una camicia scura, rivelando un'altra maglia rossa sotto. Ha messo la camicia scura in una borsa che aveva con sé".

L'allarme è scattato alle 18:30 (mezzanotte e mezza in Italia), quando è arrivata la segnalazione che usciva fumo dal retro di un'auto parcheggiata sulla 45esima strada, poco lontano dal teatro dove va in scena Lion King.
Il presidente americano Barack Obama ha elogiato il "rapido intervento" della polizia di New York che con il suo "eccellente lavoro" ha permesso di sventare l'attentato. In un comunicato, la Casa Bianca ha inoltre riferito che Obama ha chiesto al suo consigliere per l'antiterrorismo, John Brennan, di seguire le indagini e offrire il massimo sostegno alla polizia newyorchese. Un allarme terrorsimo era già scattato a Times Square a Capodanno, quando poco prima della mezzanotte la polizia aveva chiuso la piazza per due ore per verifiche su un furgone sospetto, rivelatosi poi innocuo.

Tanta paura anche a Pittsburgh, dove è stato disinnescato un ordigno rudimentale lungo il percorso della maratona annuale, cui partecipano circa 5mila persone.

Tutti gli aggiornamenti sull'autobomba disinnescata a Times Square

Leggi tutto