Legionari di Cristo, la condanna del Papa

1' di lettura

Il Vaticano contro il fondatore padre Marcil Maciel Degollado: “Comportamenti gravi e immorali, serve una profonda revisione”. Benedetto XVI: sono vicino alle vittime degli abusi

"I gravissimi e obiettivamente immorali comportamenti" di padre Marcial Maciel Degollado, fondatore dei legionari di Cristo, "confermati da testimonianze incontrovertibili, si configurano, talora, in veri delitti e manifestano una vita priva di scrupoli e di autentico sentimento religioso". Lo afferma il comunicato della Santa Sede diffuso al termine delle riunioni in Vaticano con i cinque vescovi incaricati della "visita apostolica" ai Legionari di Cristo.

"La condotta" di padre Marcial Maciel Degollado, fondatore dei Legionari di Cristo, "ha causato serie conseguenze nella vita e nella struttura della Legione, tali da richiedere un cammino di profonda revisione". Lo afferma il comunicato della Santa Sede diffuso al termine delle riunioni in Vaticano con i cinque vescovi incaricati della "visita apostolica" ai Legionari di Cristo. Benedetto XVI ha incontrato ieri i cinque ''visitatori'' apostolici che hanno indagato negli scorsi mesi sulla Congregazione travolta dagli scandali del suo fondatore, Marcial Maciel Degollado (morto nel 2008), colpevole di abusi sessuali su minori e di una doppia vita, con almeno due mogli e tre figli.

Guarda anche:
Benedetto XVI: Chiesa ferita, ma non mi sento solo
Il Papa incontra a Malta 8 vittime di abusi

Leggi tutto