Afghanistan, possibili novità sulla vicenda dei tre italiani

1' di lettura

Alcune fonti dell’esecutivo afghano affermano che, oggi, si discuterà della situazione dei tre cooperanti italiani. Il sito di "Articolo 21": "imminente liberazione". Emergency: “Non abbiamo conferme". La Farnesina: "Ottimisti, ma cauti"


LE IMMAGINI, della manifestazione di Emergency
GUARDA LE FOTO dei volontari di Emergency arrestati in Afghanistan

C'è grande attesa oggi a Kabul per possibili nuove notizie riguardanti i tre operatori di Emergency da oltre una settimana in mano alla Direzione nazionale della sicurezza (Nsd) afghana, anche se le fonti locali non hanno elementi a disposizione per suffragarle.

Il portavoce del Consigliere per la sicurezza nazionale Rangin Spanta ha detto che apparentemente non è all'ordine del giorno oggi una riunione del Consiglio nazionale per la sicurezza, presieduto dal presidente Hamid Karzai, che è stato incaricato di esaminare la vicenda che coinvolge Marco Garatti, Matteo dall'Aira e Matteo Pagani.

Notizie però che non trovano altri riscontri, né da parte dei Servizi afghani, né da parte della Ong italiana. Da parte sua Abdullah Ibrahim Gil, portavoce del Procuratore generale afghano, ha dichiarato: "Non abbiamo ricevuto documenti riguardanti il caso di Emergency, e per questo non possiamo dichiarare nulla".

Infine, uno dei legali designati da Emergency ha detto stamani di non aver "riscontro a queste voci che ci colgono di sorpresa. Noi stiamo insistendo, anche oggi, per ricevere l'autorizzazione da parte della Nsd per poter vedere i tre e ricevere da loro la conferma dell'incarico"

Intanto il sito internet di “Articolo 21” da' per imminente il rilascio del  personale di Emergency. Sul sito si legge: “Ci si aspetta che i 3 funzionari siano  rilasciati nelle prossime ore. Dopo un accordo con il Ministero degli  Esteri che attraverso l'inviato speciale Massimo Iannucci si è fatto relatore di una proposta accettata dall'Amministrazione Afgana".
     
"A quanto risulta - si legge nelle breve nota di apertura del sito diretto da Stefano Corradino - i servizi segreti non hanno potuto indicare a tutt'ora nessuna prova a supporto delle pesanti accuse e ciò ha convinto il Presidente Karzai a fare in modo che il rilascio avvenga immediatamente anche se per una questione di immagine potrà  sembrare che vengano poste delle condizioni, forse l'impegno a considerare la posizione dei 3 funzionari di Emergency in Italia. A quanto apprendiamo - sostiene Articolo21 - il ministro Frattini, alle  17 di oggi ora italiana dovrebbe tenere una conferenza stampa per dare l'annuncio dell'imminente rilascio".
     
"Articolo21 - sottolinea il portavoce Giuseppe Giulietti - si augura che, una volta conclusa questa vergognosa vicenda e che i tre  operatori siano restituiti ai loro familiari e al loro lavoro si illumini a fondo questa vicenda oscura segnata da tante bufale  politiche e mediatiche".

Alla Farnesina c'è "ottimismo" per uno sbocco positivo della vicenda, ma allo stesso tempo si invita alla "cautela". Nessuna conferma, per il momento, delle voci circolate nelle ultime ore di un imminente rilascio dei connazionali.




Leggi tutto