Terremoto in Cina: centinaia di morti

Qinghai
1' di lettura

Scossa di magnitudo 6,9 e tre repliche nella provincia del Qinghai, al confine con il Tibet. La tv di stato: centinaia le vittime e migliaia i feriti. Il dramma delle scuole crollate. LE IMMAGINI

LE PRIME IMMAGINI DEL SISMA IN CINA

La scossa
- Un potente sisma di magnitudo 7,1 sulla scala Richter (6,9 secondo l'istituto geologico americano) ha fatto almeno 600 morti e 10.000 feriti questa notte nella provincia del Qinghai, al confine con il Tibet. Lo riporta la tv di Stato cinese. "Molte altre persone" sono sepolte sotto le macerie, hanno fatto sapere le autorità locali. "Sono stati inviati dei soldati per salvare la gente sotto le case crollate", ha detto un responsabile, Huang Limin, citato dall’agenzia Nuova Cina.

L'epicento - Il terremoto è stato registrato alle 7.49 ora locale, poco prima dell’1 di notte in Italia, ed è stato seguito da tre forti repliche. L’epicentro è stato individuato nel distretto di Yushu,  nella prefettura autonoma tibetana omonima, a una profondità di 33 chilometri. Più dell’85% degli edifici situati vicino all’epicentro è crollato, secondo l’agenzia Nuova Cina, che cita un altro responsabile del governo locale. Una scuola professionale si è sgretolata e "molto studenti sono stati sepolti dalle macerie", ha aggiunto. "I feriti sono ovunque nelle vie, molta gente è ricoperta di sangue", ha detto questo responsabile cinese. La zona colpita dal terremoto, non lontana dalla regione autonoma del Tibet, accoglie circa 80.000 persone ed è ad alto rischio sismico: è abitata soprattutto da contadini e nomadi di etnia mongola e tibetana e dispone di importanti riserve di carbone e piombo.

La scuola crollata - Sono "molti" gli studenti ancora sepolti sotto le macerie delle loro scuole a Yushu. Lo ha affermato  Zhuohuaxia, un funzionario del governo locale citato dall'agenzia Nuova Cina. "Le strade di Jiegu (la località più vicina all'epicentro) sono piene di gente presa dal panico, molti sono feriti e perdono sangue", ha aggiunto. Secondo il funzionario  "molti studenti sono rimasti intrappolati nel crollo di una  scuola professionale". "Il nostro primo compito è quello di salvare i ragazzi" ha aggiunto Kang Zifu, un  ufficiale dell'esercito che impegnato nelle operazioni di  soccorso.
Si teme per la vita degli studeni di un istituto tecnico  crollato. "Non so quanti studenti siano morti - ha detto un testimone  alla Xinhua - gli studenti stavano entrando in classe quando c'e' stato il terremoto, io stesso ho estratto alcuni corpi dalle macerie  ed avevano ancora indosso il cappotto". Un insegnante della scuola  elementare con convitto di Yushu, che ha mille studenti, ha raccontato che "le lezioni del mattino non erano ancora iniziate al momento del  sisma, quelli che non sono riusciti a scappare sono stati sepolti". Al momento sono stati estratti i corpi di cinque bambini.

Il precedente - La regione cinese colpita oggi dal fortissimo terremoto, la provincia di Qinghai, è confinante con  la provincia di Sichuan, dove un sisma di magnitudo 7,9 uccise 70mila  persone nel maggio del 2008. Il terremoto fu avvertito fino a Pechino e Shangai, ma anche in  Pakistan, Thailandia e Vietnam. Si è trattato del terremoto più forte e con il più alto numero di vittime avvenuto in Cina dal 1976,  anno in cui il Terremoto di Tangshan uccise circa 250.000 persone. La  potenza del sisma di oggi è stata inferiore a quella di due anni fa,  registrata al 6,9 grado della scala Richter dall'istituto geologico  statunitense ed al 7,1 dai sismologici cinesi.

Tutti i servizi sul terremoto in Cina:



Guarda anche:
Cina: migliaia di morti nel sisma in Sichuan
Cina, dopo otto giorni oltre 100 minatori rivedono la luce

Leggi tutto