Pedofilia, Santa Sede: denuncia sempre alle autorità civili

1' di lettura

Il Vaticano mette nero su bianco le norme da tenere in caso di abusi sessuali su minori: "Si deve sempre seguire la legge civile per quanto riguarda la denuncia dei crimini alle autorità". Nei casi più gravi il Papa potrà intervenire direttamente

Nei casi più gravi di preti pedofili, il Papa potrà direttamente ridurre il colpevole allo stato laicale, senza passare per un processo canonico: è quanto indica la guida sulle procedure vaticane per quanto riguarda gli abusi sui minori, pubblicata oggi sul sito web della Santa Sede.

Nei casi di abusi sessuali su minori da parte dei preti "si deve sempre seguire la legge civile per quanto riguarda la denuncia dei crimini alle appropriate autorità ": è quanto recita la guida sulle procedure canoniche della Congregazione per la Dottrina della Fede.
E' la prima volta che viene scritto nero su bianco che il ricorso alle autorità civili è obbligatorio. La guida, in tutto un paio di pagine in inglese, è - spiega la Sala Stampa vaticana - il modo in cui verrà attuato d'ora in poi il Motu proprio del 2001 sui Delicta Graviora.

GUARDA ANCHE:

Pedofilia, nuove accuse gettano ombre sulla Chiesa
Pedofilia, una lettera accusa il Papa. Il Vaticano smentisce
Pedofilia: il Papa è pronto a incontrare le vittime
Benedetto XVI ai sacerdoti: "Siate come angeli"
Pedofilia, avvocato Usa chiama il Papa a deporre
La Svizzera vuole istituire un registro dei preti pedofili
Il Giornale denuncia: a Milano allarme preti pedofili
"Ratzinger voleva punire il vescovo pedofilo ma fu bloccato”

Leggi tutto