L'astensionismo? In Gran Bretagna si combatte su Facebook

Il primo ministro inglese Gordon Brown è il candidato premier dei laburisti alle elezioni del prossimo 6 maggio
1' di lettura

I dati della partecipazione al voto tra gli inglesi sono in netto calo. Per questo, per le prossime elezioni del 6 maggio, gli uffici elettorali britannici hanno deciso di incoraggiare i cittadini inviandogli un messaggio sul noto social-network

Al voto grazie ai socialnetwork. Gli uffici elettorali britannici useranno per la prima volta Facebook per spingere le persone a registrarsi al voto delle elezioni politiche del prossimo 6 maggio.
Secondo l'osservatorio politico Ipsos Mori, dopo il ribasso record dell'affluenza registrato durante le ultime due chiamate alle urne, la Commissione elettorale inglese ha deciso che sabato prossimo, ad ogni visitatore del social network, sarà chiesto se si è già registrato per il voto.
In caso di risposta negativa, il visitatore verrà reindirizzato al sito della commissione stessa, dove potrà registrarsi.

Il numero di quanti si sono recati alle urne in Gran Bretagna è crollato nell'ultimo secolo, con l'ultima affluenza registrata nel 2005 del 61,6%, rispetto a quella del 1950 dell'80%.
I giovani in particolare, oltre ad essere i maggiori utilizzatori di Facebook, sono tradizionalmente i più restii al voto, con la fascia tra i 18 e i 24 anni caduta nel 2005 al 37% di votanti.
In un precedente rapporto in cui commentava le elezioni del 2005, l'osservatorio elencava tra i fattori responsabili della scarsa affluenza la poca differenza percepita tra i due principali schieramenti, i toni opachi e negativi della campagna, e il senso del voto, soprattutto nei giovani, come un qualcosa di non influente né doverosa.

Richard Allan, responsabile delle politiche di Facebook, ha detto che il sito ha 23 milioni di utenti in Gran Bretagna. "Siamo quindi in una posizione unica per raggiungere i votanti non registrati".
Chi vorrà votare dovrà registrarsi entro il 20 aprile, evitando così che si avverino gli attuali sondaggi che prevedono la peggiore affluenza alle urne degli ultimi 20 anni.

Leggi tutto