Baghdad, tre esplosioni seminano morte e terrore

1' di lettura

La capitale iraqena è stata scossa da una serie d'attentati, verificatisi a breve distanza gli uni dagli altri. Le deflagrazioni sono avvenute nei pressi dell'ambasciate iraniana, egiziana e tedesca. Decine le vittime e i feriti

A breve distanza l'una dall'altra tre esplosioni hanno scosso, nella mattinata del 4 aprile, il centro di Baghdad. I primi due attentati kamikaze sono avvenuti, intorno alle 12.00 ora locale (le 10.00 in Italia), nel quartiere occidentale di Mansur, dove si trovano numerose rappresentanze diplomatiche straniere. Le due autobombe sono esplose davanti all'ambasciata egiziana e a una residenza di pertinenza dell'ambasciata tedesca. Poco dopo un terzo attentato è avvenuto nei pressi dell'ambasciata iraniana. Il bilancio delle vittime s'è aggravato di ora in ora. Nella tarda mattinata le persone decedute erano almeno 30, mentre 168 i feriti riocoverati negli ospedali della capitale.

Guarda anche:
Incursione di Al Qaeda in un villaggio iraqeno provoca 24 morti
Iraq, si va verso un governo di unità nazionale
Iraq, la Commissione dice no a un nuovo conteggio dei voti
L'Iraq non si lascia intimidire e va in massa alle urne
Frattini: "Bisogna tutelare la comunità cristiana in Iraq"
Iraq, il terrore non spaventa la democrazia
Iraq, vigilia elettorale tra attentati, minacce e speranze
"Il ritorno": l'Iraq raccontato da Giuliana Sgrena

Leggi tutto