Cern, quasi ricreato il Big Bang

1' di lettura

A Ginevra una collisione record tra particelle. Le prime disintegrazioni di protoni, a un'energia mai finora raggiunta artificialmente, ottenute nel superacceleratore Lhc

GUARDA LA FOTOGALLERY

Il più grande acceleratore di particelle del mondo del Cern di Ginevra ha raggiunto la potenza massima mai toccata riuscendo quasi a far collidere due fasci di protoni per creare le condizioni simili a quelle del Big Bang da cui nacque l'universo. Il Large Hadron Collider, che corre per 27 km sotto la frontiera tra Svizzera e Francia, ha generato 7.000 miliardi di elettrovolt. L'Lhc, inaugurato nel 2008, fu fermato per un guasto 48 ore dopo.

Dopo due fallimenti che si erano verificati nelle prime ore della giornata, i protoni al momento dello scontro hanno viaggiato a una velocità molto vicina a quella della luce. Ora i ricercatori, che dovranno analizzare i dati raccolti, spegneranno l'Lhc per riaccenderlo dopo lavori di manutenzioni e potenziamento che dureranno quasi un anno. A quel punto la potenza sarà raddoppiata a 14 Tev, un livello che si avvicina ulteriormente a quelli sperimentati nei primi istanti di vita dell'Universo.

Guarda anche:
Cern, acceso l'acceleratore, al via l'esperimento
Ginevra, al Cern un esperimento per simulare il Big Bang

Leggi tutto