Pedofilia, dagli Usa due cause legali contro il Vaticano

1' di lettura

Secondo due corti federali i preti sono "impiegati" del papa che ne sarebbe responsabile. La Santa Sede avrebbe presentato ricorso alla Corte Suprema. Ieri, intanto, il Vaticano ha detto "ammettiamo le colpe per fare giustizia"

Il Washington Post rivela che due corti federali americane, in Oregon e Kentucky, hanno ammesso nei mesi scorsi la possibilità di azioni legali contro il Vaticano  per dei casi di abusi sessuali. La tesi degli avvocati, accolta dalla corte, è che i preti sono "impiegati" del papa e dunque lui ne è responsabile. Il giornale americano prosegue spiegando che il Vaticano ha fatto ricorso alla Corte Suprema Usa per fermare il procedimento in Oregon. Intanto gli avvocati di entrambe le parti hanno incontrato due settimane fa a Washington dei funzionari governativi che potrebbero avere un ruolo determinante se il Vaticano - considerato un Paese straniero immune dalle azione legali - dovesse risultare parte in causa in un procedimento americano.

Ieri intanto padre Federico Lombardi, portavoce della Santa Sede, ha affermato ammettiamo colpe sugli abusi per fare giustizia. L'argomento è di natura tale - ha aggiunto -  da attirare l'attenzione dei media e il modo in cui la chiesa lo affronta è cruciale per la sua credibilità morale."  Ha poi aggiunto che riconoscere e fare ammenda di episodi avvenuti anche decenni fa "è il prezzo del ristabilimento della giustizia e di quella 'purificazione della memoria' che permette di guardare con rinnovato impegno e fiducia al futuro".



GUARDA ANCHE:

Il nuovo attacco del NYT contro Ratzinger
"La pedofilia è sempre un male": il Papa su Twitter
La risposta del Vaticano agli attacchi del New York Times
Il New York Times contro Ratzinger e Bertone
Benedetto XVI accetta le dimissioni di Magee
Preti pedofili, Berlusconi: “Dal Papa risposta efficace”
Preti pedofili, il Papa: sarete puniti da Dio e dagli uomini

Leggi tutto