La Svizzera vuole istituire un registro dei preti pedofili

Il presidente della Confederazione Elvetica Doris Leuthard - Foto Ap
1' di lettura

Lo ha affermato la presidente della confederazione elvetica Doris Leuthard: "Se gli esecutori del reato vengono dal mondo civile o clericale non fa differenza. Entrambi sono sottoposti alla legge svizzera"

La presidente svizzera Doris Leuthard ha sollecitato oggi la creazione di un registro centrale dei preti pedofili, per impedire che abbiano ulteriori contatti con minori. La dichiarazione di Leuthard alla stampa arriva mentre il Vaticano è nell'occhio del ciclone per una serie di scandali legati ad abusi sessuali su minori da parte di sacerdoti in diversi paesi. Anche la polizia svizzera sta indagando su presunti abusi nel paese alpino.

"Se gli esecutori del reato vengono dal mondo civile o clericale non fa differenza. Entrambi sono sottoposti alla legge svizzera, senza se né ma", ha detto la presidente. Leuthard ha aggiunto che è importante assicurare che i pedofili non abbiano più contatti con i bimbi e che va considerata la possibilità di istituire un registro dei sacerdoti pedofili, come per gli insegnanti. Il settimanale svizzero di lingua tedesca SonntagsZeitung ha scritto che la conferenza episcopale svizzera sta valutando se tenere una riunione d'urgenza, nella quale potrebbe essere discussa la questione del registro, prima della seduta annuale del 31 maggio - 2 giugno.

La Chiesa svizzera punta a contrastare la pubblicità negativa dello scandalo con una campagna pubblicitaria di poster intitolati "Notizie migliori" da affiggere in tutte le 2.000 parrocchie del paese, scrive un altro settimanale.

Intanto la Chiesa cattolica austriaca ha deciso di nominare un "rappresentante indipendente" delle vittime per indagare sui casi di abusi sessuali. Lo ha detto, alla televisione di Stato, l'arcivescovo di Vienna, Christoph Schoenborn, annunciando che il ruolo sarà affidato ad una donna, Waltraud Klasnic, ex governatrice regionale. "Vogliamo far uscire le indagini dalla Chiesa ed affidarle ad un rappresentante indipendente", ha detto il vescovo.

GUARDA ANCHE:

Due cause civili dagli Usa contro il Vaticano

Il nuovo attacco del NYT contro Ratzinger
"La pedofilia è sempre un male": il Papa su Twitter
La risposta del Vaticano agli attacchi del New York Times
Il New York Times contro Ratzinger e Bertone
Benedetto XVI accetta le dimissioni di Magee
Preti pedofili, Berlusconi: “Dal Papa risposta efficace”
Preti pedofili, il Papa: sarete puniti da Dio e dagli uomini

Leggi tutto