Crisi Libia-Svizzera, si va verso una soluzione

Il colonnello libico Gheddafi
1' di lettura

Tripoli ha revocato il blocco dei visti ai cittadini dei paesi dell'area Schengen dopo l'annuncio che Berna aveva abolito, a sua volta, la lista di 188 libici a cui era stato vietato l'ingresso nella Confederazione

La Libia ha revocato il blocco dei visti ai cittadini dei Paesi Schengen. Il ministro degli esteri spagnolo, Miguel Angel  Moratinos, che oggi a Sirte ha incontrato il premier libico Baghdadi Ali al Mahmudi insieme al presidente del Consiglio italiano Silvio  Berlusconi, per discutere della crisi fra Tripoli e Berna, rimarrà  anche domani in Libia per continuare lo sforzo di mediazione. A  riferirlo, sono fonti del ministero degli Esteri spagnolo, presidente  di turno dell'Ue.

La vicenda dei visti tra Berna, Tripoli e l'UE sembra quindi risolta. La decisione della Libia di revocare il blocco dei visti ai cittadini dei Paesi Schengen è stata presa dopo l'annuncio dato dalla presidenza  dell'Ue che Berna aveva abolito, a sua volta, la lista di 188 libici cui era stato vietato l'ingresso nella Confederazione. Tra di essi  anche il colonnello Gheddafi. A renderlo noto è stato un alto funzionario libico. Da Berna ancora nessuna conferma.

Guarda anche:
Gheddafi contro la Svizzera, jihad per i minareti
La Svizzera dice no ai minareti
Libia, anche lo svizzero Goeldi lascia l'ambasciata
Libia, sospesi visti di ingresso per i cittadini Ue
Frattini tenta la mediazione tra Libia e Svizzera
Libia, sospesi visti di ingresso per i cittadini Ue
Onu, Gheddafi show: Il Consiglio di Sicurezza fa terrorismo

Leggi tutto