Internet, preso l’hacker incubo di Obama e Britney Spears

1' di lettura

Un pirata informatico ricercato dalla polizia francese e dall'FBI statunitense per avere violato l'account su Twitter del Presidente Usa Barack Obama è stato arrestato in Francia, al termine di un'indagine che Parigi e Washington portavano avanti da mesi

L'hacker, un giovane francese di 25 anni conosciuto sul web con lo pseudonimo di “Hacker-croll”, ha fatto “tremare” la rete dopo essere riuscito ad accedere come amministratore al servizio di micro-blogging, potendo così creare o eliminare profili utenti a suo piacimento.

Secondo la polizia, il cyber-criminale agiva per "il semplice gusto della sfida". Non solo il giovane aveva violato l'account si Twitter del presidente Obama: secondo diversi siti internet francesi, tra le sue “vittime” di Hacker-croll ci sarebbero anche numerose personalità dello spettacolo tra cui  la cantante pop americana Britney Spears.

Nel 2009 l'Fbi aveva notato strani movimenti attorno all'account su Twitter del capo della Casa Bianca ed aveva accertato che il paese di provenienza degli assalti informatici era la Francia. Era stata così allertato l'ufficio competente per la lotta contro la criminalità sul web.

Seppure in misura minore, l'hacker transalpino, di cui non sono state rese note le generalità, imperversava anche su Facebook, il social network, e su account di posta elettronica come g-Mail.

Secondo vari media online, il giovane era già conosciuto dalla polizia per "piccole frodi gli avevano fruttato 15.000 euro", stando a una fonte vicina alle indagini. Dalle sue incursioni su Twitter, tuttavia, non ha tratto profitto.

A tradirlo sono state l'imprudenza e forse un pizzico di vanità. “Hacker Croll” aveva infatti creato un proprio blog in cui raccontava delle sue “prodezze” e aveva addirittura concesso un'intervista al sito internet Zataz.com nella quale spiegava lungamente il metodo usato per le sue scorribande su Twitter.


GUARDA ANCHE:

NYTimes: "Attacchi a Google partiti da due scuole cinesi"
Usa, il più grande attacco hacker della storia
Attacco informatico al sito di Poste Italiane
Le regole d’oro per una password sicura

Leggi tutto