Afghanistan: arrivata in Italia la salma di Pietro Colazzo

1' di lettura

Il funzionario dell'Aise è stato ucciso venerdì scorso a Kabul. Ad accogliere le spoglie Gianni Letta, il presidente del Copasir Massimo D'Alema e la sorella della vittima

E' giunta in Italia con un aereo C130 dell'Aeronautica militare la salma di Pietro Colazzo, funzionario dell'Aise, il Servizio segreto esterno, ucciso venerdì scorso a Kabul in un attentato. L'aereo è atterrato alle 8:30 all'aeroporto di Ciampino. Ad accogliere le spoglie dello 007 il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, il presidente Copasir, Massimo D'Alema, il Capo di Stato maggiore della Difesa, Vincenzo Camporini, il direttore dell'Aise, Adriano Santini, e i vertici militari.

Tra i parenti di Colazzo c'è anche la sorella. L'aereo italiano ha a bordo anche il corpo del regista francese Severin Blanchet, il regista rimasto ucciso a Kabul nello stesso attentato. L'aereo dell'Aeronautica proseguirà dopo la sosta a Roma per Parigi per riportare in Francia il corpo del regista.

Guarda anche:
Afghanistan, attentato  Kabul: morto un italiano
Sono mille i soldati Usa morti nella guerra in Afghanistan
Reza Deghati: tutto l'orgoglio dell'Afghanistan in una foto
La normalità afghana nel vortice della guerra

Leggi tutto