Ucraina, Yulia “la pasionaria” non si arrende

1' di lettura

Iulia Timoshenko ha dichiarato di non riconoscere Yanukovich come presidente. L’ex leader della “rivoluzione arancione” ha rinunciato al ricorso contro i presunti brogli elettorali ma accusa il candidato filo-russo: “Svende la rete di gasdotti”

Yulia Timoshenko non getta la spugna. Parlando in tv la premier ucraina uscente ha dichiarato di non riconoscere il filo-russo Viktor Yanukovich come presidente, nè tantomeno le sue politiche anti-europee. "Ha conquistato il potere sulla base di menzogne, non durerà a lungo", ha precisato l'ex pasionaria della Rivoluzione arancione del 2004, accusando poi Yanukovich, di aver gia' cominciato la privatizzazione della rete di gasdotti; una questione rilevante visto il volume di gas che transita dalla Russia all'Unione europea proprio attraverso l'Ucraina.

Guarda anche:
Elezioni in Ucraina, la sexy protesta delle femministe. TUTTE LE FOTO

Leggi tutto