Spy story in Medioriente

1' di lettura

Un uomo di Hamas è stato ucciso in un lussuoso albergo di Dubai. Gli Emirati spiccano un mandato per 11 presunti agenti segreti. Gli arabi sospettano del Mossad

Una trama da spy story per una vicenda che rischia di creare tensioni diplomatiche tra gli Emirati Arabi Uniti e Israele. Ci sono tutti gli ingredianti classici di un giallo fantapolitico. Un esponente di Hamas ucciso in un lussuoso hotel di Dubai e undici agenti segreti, con finti passaporti europei, ricercati dall'Interpol di omicidio. E i sospetti sul Mossad, il servizio segreto israeliano.

Guarda anche:
Dubai, apre il grattacielo più alto del mondo. LA FOTOGALLERY
Fatah-Gate, Abu Mazen sospende suo stretto collaboratore

Leggi tutto