Iran, si va verso le sanzioni

1' di lettura

Il giorno dopo l'annuncio di Ahmadinejad sulla presenza di Uranio arricchito le diplomazie internazionali premono sull'acceleratore delle sanzioni. Ma resta il blocco della Cina.

Il giorno dopo la cerimonia per il 31esimo anniversario della rivoluzione khomeinista in cui Mahmud Ahmadinejad ha annunciato che l'Iran ha già a disposizione uranio arricchito al 20% le diplomazie internazionali spingono perché si vada al più presto verso le sanzioni. Secondo il ministro degli esteri italiano, Franco Frattini, le sanzioni dovrebbero essere approvate entro marzo. Per la Francia bisogna dare tempo alla Cina di trovare una posizione comune con gli altri paesi del Consiglio di Sicurezza.

Intanto l'Iran continua a mostrare il suo volto mascherato a festa, anche se dalla rete arrivano le testimonianze delle proteste e degli scontri. Sarebber tre i manifestanti rimasti uccisi negli scontri di ieri.

GUARDA ANCHE:
Scontri a Teheran, la testimonianza di uno studente iraniano
Iran, torna la rivoluzione verde
Iran, l'opposizione in piazza anche a Roma

Leggi tutto