Bill Clinton sta bene

1' di lettura

L'ex presidente ha subito un intervento al cuore. Secondo i medici la sua prognosi è eccellente.

L'ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton si sta riprendendo bene dopo un intervento chirurgico subito ieri per riaprire un'arteria bloccata. Lo ha riferito il suo medico. A Clinton, 63 anni, nel 2004 era stato impiantato un quadruplo bypass per liberare quattro arterie bloccate. Ora, dopo due viaggi ad Haiti per contribuire alla ricostruzione, l'ultimo intervento chirurgico.

Douglas Band, consigliere medico di Clinton, ha detto che l'ex presidente è stato ricoverato nel Columbia Presbyterian Hospital di New York, dove gli sono stati impiantati due stent (strumenti che servono ad ampliare le arterie ostruite) in
un'arteria coronarica. "Il presidente Clinton è su di morale, e continuerà a concentrarsi sul lavoro della sua fondazione e sull'aiuto ad Haiti", ha detto Band in un comunicato.

Il cardiologo Allan Schwartz ha detto ai giornalisti che Clinton si era recato da lui lamentando dolori al petto e che gli esami hanno indicato che bisognava intervenire di nuovo su una delle arterie operate nel 2004. Secondo il medico non c'è alcuna indicazione che Clinton abbia avuto un attacco o che il suo cuore abbia subito danni. Schwartz, che dirige il reparto di cardiologia della Columbia, ha detto che Clinton è in piedi, cammina e oggi dovrebbe tornare a casa per riprendere "il suo stile di vita molto attivo". Il medico ha detto che il ritorno al lavoro è previsto per lunedì.

La moglie di Clinton, la segretaria di Stato Hillary Clinton, è arrivata verso le 19.30 di ieri (l'1.30 in Italia) in ospedale , dove c'era già la figlia Chelsea. Un dirigente dell'amministrazione ha detto a Reuters che la partenza della segretario di Stato per il Qatar e l'Arabia Saudita, prevista per oggi, è stata rinviata a domani, anche se il rinvio non creerà problemi agli incontri già fissati.

La Casa Bianca ha detto che Clinton ha spiegato al presidente Barack Obama di sentirsi "assolutamente bene" dopo l'intervento.

Leggi tutto