Iran, Frattini "Via alle sanzioni"

1' di lettura

Il ministro degli Esteri: "Vogliamo che Teheran torni al tavolo del negoziato e per farlo occorre essere uniti. Se ci dividiamo continuerà ad arricchire l'uranio". Sull’assalto all’ambasciata: "Resterà aperta, ma insisteremo perché vi sia sicurezza"

“Credo sia il tempo delle sanzioni. Abbiamo visto provocazioni iraniane con gesti inconsulti. La comunità internazionale credo sia ad una prova di credibilità. Se non riusciamo a ragionare in fretta su un pacchetto di sanzioni condivise dimostriamo la nostra debolezza". Lo ha detto oggi il ministro degli Esteri, Franco Frattini, a margine di un convegno a Roma. "Vogliamo che l'Iran -ha aggiunto il titolare della Farnesina - torni al tavolo del negoziato e per farlo occorre essere uniti. Se ci dividiamo continuerà ad arricchire l'uranio”. In merito all'assalto all'ambasciata italiana a Teheran Frattini ha confermato che la sede diplomatica “rimane aperta”.

Leggi anche:

Nucleare, Ahmadinejad: via a produzione di uranio arricchito 

 

Leggi tutto