Pakistan, attentato contro una scuola femminile

1' di lettura

Un nuovo agguato terroristico nel nord del paese asiatico ha provocato la morte di almeno tre studentesse e di tre militari statunitensi, oltre al ferimento di decine di persone. Si scava tra le macerie dell'istituto alla ricerca di nuove vittime

Tre Marines, un cooperante internazionale e tre alunne pakistane sono morti nell'esplosione di una bomba nei pressi di una scuola femminile, nel nord-ovest del Pakistan. L'attentato è avvenuto a Koto, nel distretto del Lower Dir, vicino alla valle di Swat, il territorio al confine tra Pakistan e Afghanistan sotto controllo della guerriglia talebana e che da alcuni mesi è teatro di un’offensiva da parte dell’esercito di Islamabad.

Un convoglio di auto con a bordo volontari di Ong internazionali e giornalisti pakistani, scortati da alcuni militari statunitensi, era diretto a una scuola femminile, a Maidan, per assistere alla cerimonia di riapertura dopo che era stata distrutta dalla guerriglia. Maidan è una roccaforte dei talebani e la base dell'imam filo-talebano Maulana Sufi Mohammad.

La tecnica utilizzata dai talebani è quella già sperimentata altre volte. Prima la deflagrazione di un ordigno posto sul ciglio della strada e subito dopo un agguato con armi automatiche per finire il “lavoro”. Nell'esplosione dell'ordigno azionato a distanza sono rimaste ferite 70 persone, fra cui tre giornalisti. Tre auto sono state distrutte. Un terrorista è stato ucciso dai Marines di scorta al convoglio, i quali hanno perso, però, tre loro compagni e un quarto è rimasto ferito. Il soffitto della scuola è crollato e oltre alla morte delle tre studentesse già accertata, si teme che possano esserci altre persone sotto le macerie.

Koto si trova a 10 chilometri da Taimargara, la città principale del Lower Dir. Il nuovo attacco dimostra la capacità dei talebani di colpire nella zona della valle di Swat, nonostante l'offensiva militare delle truppe di Islamabad. Il premier pakistano, Yousuf Raza Gilani, ha condannato l'attacco e ha ordinato un'inchiesta.

Guarda anche:

Tutte le notizie sul Pakistan

Leggi tutto