Haiti, l'Onu conferma la morte dell'italiana Cecilia Corneo

Cecilia Corneo in una foto dal suo profilo su Facebook
1' di lettura

Originaria di Arona (Novara), si era trasferita sull'isola sette anni fa per lavorare come funzionaria alle Nazioni Unite. Era anche lei all'Hotel Christopher, trasformatosi in un mucchio di macerie dopo il terremoto

VAI ALLO SPECIALE

L'ALBUM FOTOGRAFICO DELLA TRAGEDIA


TESTIMONIANZE DALL'INFERNO
. Ascolta le voci dei sopravvissuti

Cecilia Corneo, funzionaria italiana delle Nazioni Unite, è morta nel terremoto che ha devastato Haiti lo scorso gennaio. Lo ha confermato la missione dell'Onu nel Paese (Minustah) sul suo sito web.

La Corneo, 39 anni, era originaria di Arona (Novara), e sette anni fa si era trasferita ad Haiti  per lavorare nel paese, il più povero del continente americano. Al momento del sisma, il 12 gennaio, la funzionaria italiana stava partecipando ad una riunione all'Hotel Christopher, il quartier generale dell'Onu ad Haiti, trasformatosi in un mucchio di macerie in pochi secondi.

Il marito della Corneo, Patrick Hein, di origini canadesi, lavora per le Nazioni Unite come consigliere politico. Ferito ad entrambe le gambe dopo essere saltato dalla finestra del suo ufficio durante il terremoto, è rimasto nell'isola per avere notizie della moglie, ma da diversi giorni aveva abbandonato qualsiasi speranza di ritrovarla viva, secondo il suo entourage. I funerali della Corneo si svolgeranno in Italia nei prossimi giorni, ma non si conoscono ancora i dettagli.

Leggi tutto