Iraq, giustiziato Alì il chimico. Tre attentati a Baghad

Ali Hassan al Majid, detto Ali il chimico
1' di lettura

E' stata eseguita la condanna contro il braccio destro dell'ex presidente Saddam Hussein. Era stato condannato a morte per crimini contro l'umanità. Nella capitale irachena decine di morti e feriti nelle esplosioni avvenute a pochi minuti di distanza

E' stata eseguita la  condanna a morte inflitta dal tribunale di Baghdad ad Ali Hasan al-Majid, noto come Ali il chimico. Lo ha annunciato il portavoce del  governo iracheno, Ali al-Dabagh, citato dalla tv di stato di Baghdad. Al-Majid, noto per essere uno dei più stretti collaboratori di Saddam Hussein, é stato giustiziato mediante impiccagione dopo aver  subito quattro condanne a morte da parte del tribunale di Baghdad per diverse stragi compiute ai danni delle minoranze sciita e curda sotto il passato regime. La tv al-Jazeera afferma che, insieme ad Ali il chimico, è  stato giustiziato anche il ministro della Difesa dell'ex rais Saddam Hussein, Sultan Hashim Ahmed.

Poche ore prima Baghdad tornava nel mirino dei terroristi. Sono almeno 36 i morti e 71 i feriti causati da tre autobombe fatte esplodere vicino agli hotel nel centro della capitale irachena, vicino alla zona verde ad alta sicurezza. Si tratta del primo bilancio fornito dai responsabili della polizia irachena e dal ministero della difesa. Gli attentati sono avvenuti poco prima che un portavoce del governo annunciasse l'avvenuta condanna a morte del cugino di Saddam Hussein

Leggi tutto