Usa e Cina alla guerra di internet

1' di lettura

Il ministro degli Esteri cinese ribatte alle accuse della Clinton: "Danneggia le nostre relazioni". La polemica sul web nuovo capitolo delle tensioni tra Pechino e Washington. Ma i rapporti sono troppo stretti per portare ad una una rottura

La Cina non ha bisogno di lezioni su Internet da parte degli Stati Uniti: lo afferma oggi il numero uno di un'importante associazione cinese dei media online dopo che gli Stati Uniti hanno rimproverato Pechino sulla libertà d'informazione. Il discorso, pronunciato giovedì scorso dalla segretario di Stato Hillary Clinton, ha mostrato mancanza di rispetto nei confronti della Cina, che non può accettare che vengano poste condizioni su materie come la "sicurezza nazionale" o la "stabilità sociale", ha detto il presidente dell'Associazione dei media online di Pechino, Min Dahong. La polemica su Internet è andata ad aggiungersi alle questioni che in questo momento rendono più difficili le relazioni tra la prima e la terza economia del mondo: il commercio, le valutazioni monetarie, la vendita di armi dagli Usa a Taiwan e le tensioni sui diritti umani e il Tibet.

Leggi anche:
Censura, la Cina attacca Hillary Clinton: "Discorso dannoso"
Cina, nuove leggi per il web
Google, attacco hacker cinesi
Guerra aperta tra Google e Pechino
Internet in Italia, tra aperture e chiusure

Leggi tutto