Haiti, allarme negli ospedali per i ladri di orfani

1' di lettura

L'Unicef: 15 bambini sono scomparsi dagli ospedali. L'Onu decide lo stop alle ricerche dei superstiti. Ma vengono estratte vive due donne di 69 e 84 anni e un giovane di 22

VAI ALLO SPECIALE

L'ALBUM FOTOGRAFICO DELLA TRAGEDIA


TESTIMONIANZE DALL'INFERNO
. Ascolta le voci dei sopravvissuti


Ormai non si scava più. Nonostante i "miracoli", come quelli di due donne, una di 69 anni e una di 84 e di un giovane di 22, estratti vivi da sotto le macerie a dieci giorni dal terremoto senza acqua né cibo, o i bambini anche piccolissimi ritrovati in vita a distanza di sette, otto, nove giorni dalla scossa che ha devastato l'isola, le Nazioni Unite hanno deciso che le speranze di ritrovare ancora qualche sopravvissuto sono troppo flebili perché le energie delle squadre di soccorso continuino a concentrarsi sulle operazioni di ricerca.

Intanto è allarme minori sull'isola caraibica. "Abbiamo informazioni su 15 bambini scomparsi dagli ospedali" ha affermato un responsabile dell'Unicef. Intanto fonti europee fanno sapere che saranno circa 250 i gendarmi del Vecchio continente che parteciperanno alla missione Onu ad Haiti, Minustah, e tra questi i carabinieri inviati dall'Italia saranno 50. Lunedì al Consiglio dei ministri degli esteri a Bruxelles si discutera' della seconda fase di aiuti per le popolazioni colpite dal sisma.

Guarda anche:
Haiti, il governo italiano verso corsia preferenziale adozioni
Haiti, l'isola dei bimbi schiavi
Haiti, Bertolaso: manca coordinamento negli aiuti

Leggi tutto