Haiti continua a scavare e a sperare

1' di lettura

A Port au Prince soccorritori ancora al lavoro nella speranza di nuovi miracoli. Gli sfollati sono almeno 500 mila

VAI ALLO SPECIALE

L'ALBUM FOTOGRAFICO DELLA TRAGEDIA


TESTIMONIANZE DALL'INFERNO
. Ascolta le voci dei sopravvissuti

Nonostante siano ormai passati nove giorni dal terremoto che ha distrutto la capitale haitiana, a Port au Prince si scava ancora, nella speranza di nuovi miracoli. Intanto per le strade la vita riprende a pulsare. Si vedono bancarelle improvvisate su quello che resta dei marciapiedi, la gente ha voglia di tornare alla dura normalità di questo Paese poverissimo che però non si piega. Secondo un bilancio provvisorio gli sfollati sarebbero almeno 500 mila.

Guarda anche:
Haiti, tra speranze e caos
Haiti, si moltiplicano le richieste di volontariato
Nuova scossa di terremoto ad Haiti
Nel paese caraibico si combatte per il cibo
Il video amatoriale girato in un orfanotrofio
Terremoto Haiti, i video amatoriali finiscono in rete

Leggi tutto