Haiti, la terra trema ancora: nuova scossa di magnitudo 6.1

1' di lettura

L’epicentro a 60 chilometri dalla capitale: nuovi crolli. Continuano le ricerche dei sopravvissuti. Salvata una bimba di soli 15 giorni. Saccheggi e risse per il cibo. Arrivata una nave ospedale Usa per i feriti più gravi

VAI ALLO SPECIALE

L'ALBUM FOTOGRAFICO DELLA TRAGEDIA


TESTIMONIANZE DALL'INFERNO
. Ascolta le voci dei sopravvissuti

Una scossa di assestamento di magnitudo 6,1 ha fatto tremare nuovamente Haiti, otto giorno dopo il devastante sisma del 12 gennaio. Lo ha registrato l'istituto geologico Usa che ha localizzato l'epicentro a circa 60 chilometri a ovest dalla  apitale haitiana, a una profondità di quasi 10 chilometri. La scossa di terremoto che ha devastato Haiti la scorsa settimana era di magnitudo 7.

A Port au Prince alcuni testimoni hanno riferito che ci sono stati nuovi crolli, che hanno interessato palazzi già danneggiati. Subito dopo la scossa si sono avute scene di panico tra la gente - soprattutto nel centro della città - che si è riversata in strada gridando, mentre sulle colline circostanti la situazione appare calma. Non vi sono per il momento notizie di altre vittime.

Intanto continuano le ricerche dei sopravvissuti. L'ultima persona estratta viva dalle macerie è una bimba di 15 giorni. La piccola Elisabeth Joassaint ha così trascorso metà della sua vita sotto le macerie, senza cibo o acqua, ed è miracolosamente sopravvissuta.
E' stata recuperata ieri, viva, dallo stesso letto nella sua casa di Jacmel dove si trovava lo scorso 12 gennaio, ad otto giorni di vita, quando il sisma ha colpito l'isola caraibica.

Per quanto riguarda il numero degli italiani che risultano ancora dispersi, invece, la Farnesina rende noto che sono scese a 2 le segnalazioni di italiani, apparentemente ad Haiti, ancora da riscontrare. Il Ministero degli Esteri precisa anche che si tratta di "segnalazioni che risultano tuttavia così indeterminate da far ritenere che riguardino individui non effettivamente presenti ad Haiti".

Il Ministero degli Esteri traccia quindi un nuovo bilancio della situazione: il quadro aggiornato degli italiani coinvolti nel terremoto è di 2 decessi e 2 persone "per le quali esistono purtroppo più che fondate ragioni di serissima preoccupazione".

Una nave ospedale statunitense ha ormeggiato al largo dell'isola ed e' pronta ad accogliere a bordo i feriti piu' gravi ancora in vita, dopo il devastante terremoto del 12 gennaio. La Usns Comfort -gia' intervenuta nei disastri provocati dagli attentati dell'11 settembre e dell'uragano Katrina- ha a disposizione 12 sale operatorie e 1.000 posti letto per i degenti; e potra' trattate tra i 30 e i 50 feriti contemporaneamente, scelti dalle autorita' haitiane tra le migliaia di quelli che affollano gli ospedali.


TUTTI I VIDEO SU HAITI



Guarda anche:

Haiti, le immagini della tragedia in presa diretta. Lo speciale di Current
Nuova scossa di terremoto ad Haiti
Nel paese caraibico si combatte per il cibo
Quattro persone estratte vive
Berlusconi invia Bertolaso sul luogo del terremoto
Il video amatoriale girato in un orfanotrofio
Ad haiti sbarcano i marines. E gli aiuti arrivano dal cielo
Morto il funzionario dell'Onu Guido Galli
Rientrano a Roma i primi 13 italiani

Terremoto Haiti, i video amatoriali finiscono in rete
Facebook si trasforma in una bacheca d'emergenza

Haiti, su Current la tragedia in presa diretta

Leggi tutto