Haiti, è coprifuoco. 100 bambini sotto le macerie

1' di lettura

Per evitare sciacallaggi e violenze si cerca di limitare la libera circolazione dopo le diciotto. A Leogane si teme per un centinaio di bambini rimasti sotto le macerie della loro scuola. Si continua a cercare sopravvissuti

VAI ALLO SPECIALE

L'ALBUM FOTOGRAFICO DELLA TRAGEDIA


TESTIMONIANZE DALL'INFERNO
. Ascolta le voci dei sopravvissuti

Ad Haiti è stato imposto il coprifuoco, il divieto di circolare dalle 18 in poi. Un divieoto difficile da far rispettare in una città dove la gente vive ormai per strada. A pattugliare le vie i caschi blu, l'obiettivo è sedare sciaccalaggi e violenze. Ma in tanti posti la polizia non arriva, come a Leogane, dove 100 bambini sono rimasti sotto le macerie di una scuola.

Intanto ontinua la ricerca di potenziali sopravvissuti. La comunità internazionale tenta di superare le rivalità e, i principali attori, Francia, Stati Uniti e Brasile decidono di fare fronte comune.

E' di almeno 90 il numero totale delle persone finora estratte vive dalle macerie ad Haiti. Lo riferisce a Ginevra l'ultimo rapporto dell'Ufficio delle Nazioni Unite per gli Affari umanitaria (Ocha). Le operazioni di ricerca dei sopravissuti - precisa il comunicato - continuano e le squadre stanno raggiungendo sempre più aree al di fuori di Port-au-Prince.


TUTTI I VIDEO SU HAITI



Guarda anche:
Haiti, una corsa contro il tempo: due persone estratte vive
Haiti, polizia apre il fuoco contro i saccheggiatori. Un morto
Haiti, rientrati a Roma i primi 13 italiani
Terremoto Haiti, il dramma dei piccoli orfani
Storie a lieto fine dall'inferno haitiano
Terremoto Haiti, i video amatoriali finiscono in rete
Facebook si trasforma in una bacheca d'emergenza

Leggi tutto