Haiti, arrivano gli aiuti statunitensi

1' di lettura

Sull'isola colpita dal terremoto 12.500 soldati americani. Gli elicotteri lanciano dall'alto bottiglie d'acqua e cibo. Nella capitale è atteso anche Bill Clinton, inviato speciale dell'Onu per Haiti

L'ALBUM FOTOGRAFICO DELLA TRAGEDIA

HAITI, I VIDEO PIU' SIGNIFICATIVI

I MOMENTI DOPO LA SCOSSA: IL VIDEO

TESTIMONIANZE DALL'INFERNO
. Ascolta le voci dei sopravvissuti

La Casa Bianca ha reso note le cifre dell'intervento americano ad Haiti: da oggi, lunedì 18 gennaio, in tutto saranno operativi nel Paese o impegnati su unità navali 13.300 uomini.
I primi mille, della 82/a Divisione Aerotrasportata, sono giunti sabato scorso. Altri 4.800 sono a tutt'oggi operativi sul terreno. A questi se ne aggiungono altri 7.500, che dovrebbero essere sull'isola entro la giornata di oggi.

L'aeroporto di Port-au-Prince, gestito dall'aeronautica militare Usa (USAF) con il consenso del governo di Haiti, è operativo 24 ore su 24 e ha una capacità operativa di 100 voli al giorno. Finora sono state sbarcate all'aeroporto 600 tonnellate di viveri e medicinali. Sono operativi ad Haiti 30 elicotteri militari, che collegano 9 zone del Paese.

Dagli Usa hanno finora raggiunto le zone colpite dal terremoto 250 medici, due cargo carichi di medicinali e un terzo è atteso per la giornata di oggi. La nave-ospedale Comfort, con 600 uomini di personale medico, arriverà ad Haiti per la giornata di mercoledì.

Finora sono stati evacuati 1.760 cittadini americani. Le 6 squadre di soccorso Usa operative sul terreno, ognuna delle quali è composta da 70 persone, hanno finora salvato 26 persone.
Oltre a quelle americane, le squadre di soccorso internazionali presenti ad Haiti sono 21. Nei prossimi giorni si dovrebbe raggiungere un totale di 30 squadre di soccorso operative.

Sono state portate a Port-au-Prince finora 130mila razioni giornaliere di cibo e 70mila bottiglie d'acqua. Tre unità per la purificazione dell'acqua possono produrre fino a 180mila litri d'acqua al giorno. Altre sei unita' per la purificazione dell'acqua dovrebbero giungere da Dubai nei prossimi giorni. Ogni unita' e' in grado di produrre mille litri d'acqua al giorno.

E oggi ad Haiti arriverà anche Bill Clinton. "Come inviato speciale dell'Onu per Haiti, mi sento in dovere di andare a far
visita alla popolazione e incontrare il presidente Preval per assicurare che la nostra risposta continuerà a essere coordinata e operativa", ha detto prima della partenza.
La 'Fondazione Clinton' ha spiegato che l'ex presidente americano porterà nel Paese caraibico "rifornimenti di emergenza, acqua, cibo, forniture mediche, luci a energia solare, radio portatili e generatori" di elettricità. Clinton, insieme all'ex presidente Bush, è stato incaricato da Barack Obama di coordinare la raccolta fondi per il Paese devastato dal terremoto.


TUTTI I VIDEO SU HAITI



Guarda anche:
Haiti, polizia apre il fuoco contro i saccheggiatori. Un morto
Haiti, rientrati a Roma i primi 13 italiani
Terremoto Haiti, il dramma dei piccoli orfani
Storie a lieto fine dall'inferno haitiano

Terremoto Haiti, i video amatoriali finiscono in rete
Facebook si trasforma in una bacheca d'emergenza

Leggi tutto
Prossimo articolo